AFI: The Art of Drawing

AFI: The Art of Drawing
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
AFI: The Art of Drawing

Nuovo disco per il gruppo che, assieme a Vandals, è la punta di diamantedell’etichetta di Dexter Holland (cantante degli Offspring, ndr) questo “TheArt of Drawing” ad opera degli AFI. La prima cosa che salta subitoall’occhio guardando il libretto è che i nostri siano dei devoti ai Misfits,impressione questa confermata anche dal make-up di Davey Havock, ilfront-man, che sembra Glenn Danzig solo un po’ più giovane. La musica non potrebbe quindi non risentire di questo “culto”, anche se sicuramente lo è in piccola parte perché questa band viaggia sulle proprie gambe da molto tempo e si è creata un proprio sound. Il loro è un punk molto rockettaro, dove voce e chitarra (per la verità mai troppo originale) dettano legge, ed in questo ricordano molto i maestri-padroni Offspring, anche se il suono è certamente meno “mainstream”. Il disco si muove così tra brani punk, sprizzi hardcore e ballate (?!?) rock che sanno molto di anni ’80 pur non essendo così brutte come ci si aspetterebbe. Brani come “Ever and a Day” hanno una loro ragione e nel contesto stanno anche bene, pur non essendo certo pezzi memorabili. I brani migliori dell’album sono altri, e credo che una canzone come “Wester” dica già tutto nei suoi tre-minuti-tre di immediatezza e melodia. Qua è la emergono “variazioni sul tema” classico con rallentamenti e effetti sonori (addirittura una drum-machine!) ma nel contesto la cosa ci sta anche bene. In effetti credo che questo album suoni molto “americano” per alcune soluzioni oltreoceano molto apprezzate e qua nel vecchio continente considerate inutili se non fuorvianti. Spogliate di tutta la loro sovraproduzioni le canzoni sono godibilissime e sicuramente originali quantobasta, ma a “guastare” l’ascolto di sono queste trovate d’importazione cheal mio orecchio non piacciono affatto. Questo non toglie però che l’albumsia ben fatto e che chi apprezzi queste trovate potrà considerarlo un ottimo disco. Ulteriore conferma (in positivo o in negativo) potrebbe poi venire dalle loro esibizioni live di spalla agli Offspring in questa tourneéEuropea, che rappresenta per il gruppo sicuramente un ottimo trampolino verso la notorietà. A noi non resta che attendere gli sviluppi di questa storia, con nello stereo un album che non mi convince del tutto ma che comunque dimostra la stoffa di questa band.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: