ANTILLECTUAL: Perspectives & Objectives

ANTILLECTUAL: Perspectives & Objectives
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
ANTILLECTUAL: Perspectives & Objectives

Dopo aver ritrovato l’equilibrio interno, che li aveva visti cambiare un discreto numero di bassisti, e dopo essersi lasciati alle spalle un inizio estate intenso, con numerosi show di supporto a band del calibro di Propagandhi e Strike Anywhere, gli ANTILLECTUAL hanno rilasciato lo scorso 23 Agosto il loro quarto album.

“Perspectives & Objectives”, questo il nome di battesimo scelto per album dalla band, verrà rilasciato in tutto il mondo avvalendosi della collaborazione di diverse etichette (tra cui A-F Records – la label degli Anti-Flag); per quanto riguarda l’Italia, il trio olandese rinnova il consolidato rapporto con NOREASON RECORDS.

Quest’album, come il precedente del resto, riflette la comprovata maturità dalla band.
Maturità riscontrabile non solo in ambito strettamente musicale ma anche, e forse soprattutto, sul lato sociale che emerge dalla lettura dei testi delle canzoni e delle liner notes. Qualità, questa, di cui gli Antillectual ci hanno sempre omaggiato e che, con gli anni, è diventata una caratteristica ed un punto di forza della band.

La prima canzone che si incontra nell’ascolto è “Soundtrack”, canzone che rappresenta anche il primo singolo estratto dall’album. Successivamente ci si imbatte in “Welcome to Le Jungle” un testo che parla di globalizzazione e del problema dell’immigrazione. Seguono “With Gaga on Our Side”, dall’interessante giro di basso e dal messaggio gay-friendly, “Work Horses vs Show Ponies”, scritta dall’ex bassista Tim Vantol e “Pink Print”, che parla di femminismo.
“To all members of Parliment”, con una intro in stile Atlas Losing Grip, fa felici i fan della band che, durate il coro, si imbattono nel sing along della “Legione degli Ex-Bassisti”; ovvero Tom, Tim e Koen. La band a questo punto ripropone “Future History” e “Mother Inferior”, brani rilasciati nel precedente EP del 2012, con “Bullies”, una canzone che parla del famigerato “Axe Effect”, a tenerle separate. A concludere il tutto ci pensa “Books”, a mio personalissimo avviso, una tra le canzoni più interessanti ed emozionanti dell’album insieme a “To all members of Parliment”.

Per concludere ci troviamo davanti ad un album veramente ben fatto, che dimostra ancora una volta la consapevolezza raggiunta dalla band e che imprime maggiormente il nome “ANTILLECTUAL” nel panorama dei paladini moderni del punk/rock europeo.
Se ancora non li conoscete, o se ancora non avete ascoltato l’album (sul proprio sito la band ha caricato tutte le canzoni) affrettatevi a farlo. “Perspectives & Objectives” ne vale veramente la pena e non vi lascerà delusi.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: