BAM #2

BAM #2
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Allora, prima di cominciare… se siete accaniti lettori di rocksound, se seguite solo il warped tour e se sognate di andare a letto con fat mike, se lo skapunk è la vostra vita e punkrock significa cannoni e offspring… beh probabilmente state leggendo la recensione sbagliata.
Per tutti gli altri c’è BAM.

 

Sarò sincero…
non avrei mai pensato di trovarmi a fare una
seconda recensione di questa rivista… non
per mancanza di fiducia nella redazione… ma
sapendo quanto costa in temini economici e di
sbattimanto produrre una cosa del genere con
le proprie mani, senza affidarsi ad edicole e
grossi distributori senza il supporto
economico, le dritte e i favori di chi di
dovere… non avrei scommesso che la cosa si
sarebbe ripetuta. Non nella nostra italia,
dove il supporto dei punk duri e puri è come
sempre zero..  e invece eccola… Ad un anno
di distanza dal numero precedente BAM! è
tornata a farsi sentire e lo rifà con la
determinazione di prima, con un numero
altrettanto ricco e pieno di un pò di tutto…
di tutto il meglio del punk mondiale in questo
periodo.

Ora… prima di
addentrarci nei contenuti del numero in
questione, c’è da premettere che
difficilmente, molto molto difficilmente potrà
capitare di avere a disposizione, nella nostra
italietta, un prodotto punk, fatto da punk, in
stile punk senza se e senza ma… un prodotto
tanto genuino quanto onesto… frutto di mera
passione e dedizione, senza esclusivo fine
commerciale se non quello di diffondere un
gusto, uno stile ed una passione… un
prodotto allo stesso tempo coerente ed
intelligente… scritto da chi il punk lo
conosce davvero, lo vive, lo produce e lo
suona da anni… Detto questo… a voi il
numero due di BAM…

Inizio con la
bellissima intervista a Steve Lucas, singer e
guitar player dei celeberrimi australiani X…
bella, lunga e tosta. Poi A radio with guts,
forse meglio noti come ex Connie Dungs, che ci
raccontano un pò di loro aneddoti e pareri…
Ancora il celebre Danny Vapid, e Joy
Vindictive… Gli svedesi Skelett, tra l’altro
intrappolati anche nel cd… e Hanson Brothers
in un’intervista column delirante… (anche
questi ve li ciucciate con tre bei pezzi nel
cd allegato). Dalla nostra italietta invece
eccovi i Kim’s Teddy Bears… una, non di
certo nuova, rivelazione rockarolla!!!!

Quanto ad
etichette, questa volta è il turno della
crucca Alien Snatch…

All’interno
ancora recensioni a palla di tutto il meglio
ed il peggio di quest’ultimo anno di
produzioni punk e rock’n’roll… e
qualcos’altro d’interessante qua e la…

Le interviste
sono genuine ed interessanti, le domande pure,
le recensioni sono, nei limiti, obiettive e
professionali senza cadere nel cagacazzamento.

Sinceramente non
saprei che aggiungere se non un invito/ordine
a correre ad ordinare la vostra copia…
assolutamente! non scherzo… altro che
magliette con scritto punk’s not dead, anfibi,
creste, alla stars, borchie e  seghe… BAM è
rock’n’roll… BAM è attitudine punk al
100%… BAM è punk nei contenuti e nello
stile… Supportatela a mille, cerchiamo di
non far morire una delle più valide realtà
indipendenti italiane… una della poche serie
iniziative valide in termini di punkrock che
vale davvero la pena di supportare al 100%…
Acquistatela, leggetela e ascoltatela… non
fosse altro per il bellissimo cd allegato di
cui parleremo in separata sede…

Go for it!

 

CONTATTI:

Franz Barcella

via cortivo 34,

24067 Sarnico

BG

 

Promo:

Intervista
esclusiva a Steve Lucas, cantante-chitarrista
della storica e grandissima band australiana


Vindictives
Dopo lunghissimo tempo
torna a parlare Joey Vindictive, frontman
della folle e geniale band di Chicago. E lo
fa ai nostri microfoni

– Kim’s
Teddy Bears
El Senor Tabarez
intervista la miglior Rock’n’Roll band da
marte


Danny Vapid 
Screeching Weasel,
Riverdales, Queers, Sludgeworth. Ha
militato in tutte le più famose e influenti
pop-punk bands degli anni ’90

– A
Radio With Guts
I taciturni ragazzi
del Kentucky, amanti di Bukowsky, ex-Connie
Dungs, che schivan le interviste come la
morte. Noi li abbiam costretti a parlare


Skelett
dalla Svezia con furore, su
Ken Rock records


Alien Snatch Records 
chiacchierata
con Daniel Bouchè, capoccia della sempre più
sorprendente etichetta tedesca, e con due
delle sue migliori band in catalogo:
Demonics e Locomotions


Hanson Brothers
column/intervista
alla punk-rock band di Vancouver,
side-project dei NoMeansNo


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: