BURIED ALIVE: Last Rites

BURIED ALIVE: Last Rites
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
BURIED ALIVE: Last Rites

Se avete voglia di ascoltare un gruppo hardcore aggressivo e tipicamente americano potete sicuramente puntare sui Buried Alive. Il quartetto americano sforna questo secondo lp con la Victory (che li ha già messi sul mercato anche con il 7″ “Six Month Face” e alcune compilation tra le quali The New York Take Over Vol.2 che trovate qui recensita) per ribadire ancora una volta che i Buried Alive suonano per scaricare un’immensa carica energica. Il loro suono è infatti potente e compatto, fatto di riff di chitarra ricchi di palm-muting, un drumming che cadenza il tempo con vigore e la voce cattiva e ruggente di Scott Vogel. L’apertura del disco con Engraved ricorda il suono dei Sepultura ma poi ci si rende conto che il sound dei Buried Alive si discosta assolutamente dal gruppo brasiliano per dare ampio spazio a sonorità hardcore meno lineari e più metropolitane. I pezzi sono tutti cattivi (My Sacrifice e A Coward’s Eyes per esempio) e traccia dopo traccia assumono sempre maggior potenza e velocità (come in Hang Yourself In Shame o in Burning Holes Through Myself). Inoltre l’album si chiude con cinque pezzi live che testimoniano come la loro carica esplosiva sia autentica e non solo da studio… Va detto infine che “Last Rites” non è un disco da considerare innovativo o originale ma che si colloca molto bene nel genere hardcore “d’assalto”. I brani: Engraved – My Sacrifice – A Coward’s Eyes – Do You Remember? – Can’t Take This From Me – Numb – Hang Yourself In Shame – Burning Holes Through Myself – Cleanse Yourself – Kill Their Past (live) – Engraved (live) – My Sacrifice (live) – Our Time Is At Hand (live) – Watching You Die (live).


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: