BURNING HEADS

BURNING HEADS
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Realizzata da Deka il 26 Ottobre 2000 con Pierre (voce) e gli altri componenti del gruppo prima del concerto a Milano (Laboratorio Bulk) dove suonavano per l’ Epitaph Euro attack tour insieme ai Terrorgruppe e Heideroosjes, promuovendo l’ultimo disco "Escape" … molto disponibili (Pierre parla anche l’Italiano) abbiamo parlato di problemi sociali, internet, Blink e… una scoperta… questa è l’ ultima volta con l’Epitaph per la band francese…

 

. Cosa potete raccontarci di questo tour europeo?

 

E’ un’occasione perché in Francia siamo molto conosciuti, e quindi semplice per noi suonare e attirare gente, ma non è la stessa cosa in Germania o in Olanda…lì non siamo così famosi e di conseguenza non c’è molta gente che viene a vederci, ma grazie ai Terrorgruppe e agli Heideroosjes la serata è assicurata… suoniamo e ci facciamo conoscere dal loro pubblico e insieme facciamo casino! Se si suona in Francia sarà il nostro pubblico ad assistere ai concerti dei Terrorgruppe e Heideroosjesh Ogni sera, quindi, si organizzano bei concerti, pieni di gente e ci si diverte…

 

.  Qual è il concerto che ricordate più volentieri (…anche degli scorsi tour) ?

 

L’ultima volta che abbiamo suonato a Milano, in via Conchetta, al Cox 18..per noi è uno dei migliori posti di tutta Europa!

 

. Davvero! … Perché?

 

Forse per la gente, l’ambiente, il locale stesso, gli organizzatori, l’atmosfera che si crea, la mentalità…E’ gente che apprezziamo un sacco..e ogni volta che torniamo al Cox 18  veniamo accolti come dei re! Amiamo Milano e il Cox 18!!

 

.  Com’ è la scena punk in Francia?

 

Non è un genere molto popolare in Francia, non c’è molto, non ci sono centri sociali, ci sono dei clubs, delle discoteche e centri sportivi in cui suonare……la Francia non è il massimo per la musica, non è un paese in cui la musica ha un ruolo molto rilevante….così quando suoniamo punk, che è un genere musicale di nicchia, non c’è posto per noi! Ma noi siamo sufficientemente conosciuti  e va bene così! Non è il paese europeo in cui preferiamo suonare, preferiamo esibirci all’estero..Italia, Spagna, Olanda, Germania..non in Francia!

 

.  Come spieghi tutto questo?

 

Perché i francesi amano bere, mangiare  e niente più…la gente in Francia non ama sapere cosa succede al di fuori dei confini, restano in Francia  e si preoccupano  solo delle loro cose …

 

.  Ascoltano musica solo musica Francese o anche straniera …?

 

Sì, anche straniera, ma solo le canzoni molto famose..per le piccole realtà non c’é posto, al contrario della Germania dove ci sono un sacco di clubs e organizzazioni specializzate nel punk.

Nei centri sociali in Francia non vengono organizzati concerti, perché la musica punk è considerata un genere troppo “duro”! Non è possibile suonare in un centro sociale, al massimo si può giocare a carte…ogni volta qualcuno si lamenta, arriva la polizia e blocca tutto!

 

. …invece in Itala i centri sociali hanno anche un ruolo culturale all’interno della società…

 

E’ vero,…in Francia ciò non è possibile e questo inibisce la nascita di una cultura punk!

Se qui decidete di fare qualcosa, se volete organizzare un concerto o far sorgere un centro sociale siete liberi di farlo. Da noi bisogna fare innumerevoli richieste per ottenere permessi e locali, poi un’ora dopo aver aperto il centro intervengono la polizia e l’esercito e smantellano tutto!

 

. Alcuni anni fa si è discusso molto sulla decisione di Chirac di intraprendere una serie di esperimenti di natura nucleare,(a cui avete dedicato anche un album)  come avete reagito alla notizia?

 

Nello stesso momento in cui Chirac ha deciso di sganciare le bombe per gli esperimenti, noi abbiamo cominciato il tour europeo, e, ogni volta che venivamo intervistati ci riproponevano sempre la stessa domanda:”Allora voi siete francesi….cosa ne pensate di Chirac?..Cosa pensate di fare?..Lo avete votato, e ora? .State organizzando delle manifestazioni?…..”..noi non stiamo facendo nulla a proposito, non lo abbiamo votato, e non andiamo certo fieri né di lui, né della bomba nucleare e né di essere francesi.

 Purtroppo in quegli anni la Francia non godeva di una grande stima da parte del resto d’Europa ed eravamo tutti d’accordo nell’afferamre che Jacque Chirac è stronzo e coglione!.."Fuck this guy! "

 

. Cosa ne pensate del W.T.O. e del movimento di Seattle?

 

Sono i nostri eroi! E’ giusto che si reagisca contro queste grosse organizzazioni che cercano di creare un mercato globale. Forse presto sarà possibile arrivare a destabilizzare il grande palazzo della globalizzazione ! Noi cerchiamo di far pubblicità a “Attak”, una grande organizzazione che cerca di combattere la globalizzazione, e per “Tobin Tax”, che si propone di imporre una tassa sulle grandi transizioni di denaro da devolvere ai poveri per poter ristabilire l’equilibrio ormai perduto tra paesi ricchi e paesi poveri.

 

. Il vostro ultimo cd “Escape” contiene una cover degli “Adolescent” (No Way). Quali gruppi hanno influenzato la vostra musica?

   

Allora….tutto il punk rock inglese: Clash, Sex Pistols, Roots; il punk rock francese: Mettali Urbani, il punk rock americano: Social Distorsion….abbiamo mixato tutto e fatto bella musica! …il gruppo che ammiriamo di più in qusto periodo sono i Blink 182!

  (RIDONO)

.   Blink!? !?

 

Si ! , …con loro ci puoi fare il caffè!  

  (RISATE!)

 

.  Sapete che a Bologna hanno suonato solo due canzoni perché sono stati interrotti dal pubblico che ha iniziato a lanciare sassi, bottiglie e carta igenica!

 

Hanno fatto bene! Sono dei venduti, non hanno più credibilità! .. E se la gente ha deciso di lanciargli contro bottiglie e sassi è perché hanno un atteggiamento stupido..si sentono rock star! Ad esempio i Green Day la prima volta hanno suonato per sole tre persone e sono stati grandi…e ogni volta che si esibiscono è sempre la stessa cosa! Forse perché nonostante la fama sono sempre restati semplici.

 

.  Dopo tutto i Blink erano fissi nel palinsesto di  Mtv!

 

Forse non c’è più alcuna relazione tra il loro messaggio e la musica punk!  

. Cosa significa per voi lavorare con Epitaph? Voglio dire..siete liberi di scrivere quello che volete, di suonare ovunque, insultare chi vi pare?….

 

Dunque, penso che sia una buona  casa discografica, abbiamo libera scelta su tutto …ma rimane troppo legata agli U.S.A. e non all’Europa.

Sono i gruppi della Epitaph americana che vengono a suonare in Italia e non il contrario! Non ti lasciano suonare negli States, solo in Europa…e questo non lo accetto!

Ora si non lavoriamo più per loro, perché il nostro contratto includeva solo 2 albums, che abbiamo già inciso…così ora siamo momentaneamente senza etichetta!

 

.  Voi avete collaborato con  J. Endino, che rapporto avete con lui?

 

E’ un buon ingegnere del suono, è un buon amico e sa come si suonai punk rock : bene e veloce! Una volta è venuto in Francia per lavorare con noi su un album, ed è sembrato veramente contento di conoscerci, ma soddisfatto dello studio, perché non era abbastanza attrezzato per registrare in maniera professionale ….Tempo fa siamo stati invitati da lui nel suo studio per poter realizzare un lavoro migliore: era piccolino, ma conosceva veramente tutta la strumentazione alla perfezione. Figurati che siamo riusciti a registrare ben 3 canzoni in un attimo! ..Se ti serviva un compressore nel giro di poco te lo procurava…impressionante!Quando poi siamo partiti ci ha addirittura ringraziato per avergli concesso una seconda chance, suonando negli States…è una persona speciale!

 

 

.  Cosa state progettando  per il futuro?

 

Un contratto con una etichetta americana, la Victory, che si occuperà della distribuzione di “Escape” in America, Canada e Giappone. Stiamo lavorando su un tour in America e su un nuovo album reggae…amiamo molto questo genere e pensiamo che possa essere un mix interessante con il punk rock.

 E poi sta bene con lo spinello….e Pierre cercherà di elaborare il tutto con il computer per creare nuove sonorità..un po’ spaziali…

 

.  Navigate in Internet? E quale ruolo giocherà la musica sul web?

 

Secondo noi gli MP3 sono solo merda…l’idea è anche buona, ma il suono fa schifo!..Trovo che il poter comunicare contemporaneamente con milioni di persone sia una gran bella cosa..e non ho nulla contro Napster…

Abbiamo da una canzone sola a Napster….ed è sufficiente!

Vedrai che l’economia affogherà in Internet, tutto andrà sul web ma non credo che duri!

Siamo pessimisti ..non crediamo nella razza umana, la terra è un bel posto, ma l’uomo è un essre malvagio, capace di rovinare tutto…

Internet sarà anche una cosa positiva, ma fin quando esisteranno persone che lo utilizzano per far del mare…Esiste il bene e il male..dobbiamo esser capaci di fare una scelta!

 

 


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: