CJ RAMONE: Last chance to dance

CJ RAMONE: Last chance to dance
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
CJ RAMONE: Last chance to dance

Con tutti e 4 i Ramones della formazione originaria passati a miglior vita, è compito di CJ Ramone, bassista della band dal 1989 allo scioglimento, mantenere alto l’onore del quartetto di Forest Hills.
Il 25 novembre è infatti uscito per la Fat Wreck Chords “Last Chance To Dance”, il secondo album da solista di CJ Ramone (dopo Reconquista, 2012) accompagnato per l’occasione da una backup band da urlo: Steve Soto e Dan Root degli Adolescents alla chitarra e David Hidalgo Jr. dei Social Distortion alla batteria.
12 brani incisivi e senza fronzoli, (quasi) tutti punk rock in perfetto stile Ramones!
Il disco si apre con Understand Me?, scelto come primo singolo. Mi sembra già di sentire Johnny alla sua Mosrite e la voce dello spilungone, ma qui c’è CJ, che porta orgogliosamente avanti l’eredità dei 4 mettendoci la sua personale impronta e la sua grinta, continuando con Won’t Stop Swinging, secondo singolo dell’album, anch’esso intriso di Joey Ramone.
In One More Chance i toni si fanno più soft: si sente ripetere “Give me one more chance to do the right thing”, quella seconda possibilità che una volta nella vita tutti avremmo voluto avere. Bene il duo Adolescents alla chitarra.
Carry Me Away e la ballata romantica ‘Til The End rallentano ancora per qualche minuto il ritmo per poi riprendere a tutta velocità ramoniana con Long Way To Go.
Le cose prendono invece una piega heavy con Mr. Kalashnikov, che personalmente non mi convince fino in fondo, mentre con Pitstop si torna subito sulla retta via e, anche se la somiglianza con Carbona Not Glue è proprio dietro l’angolo, ci piace!
Per Grunt e Cluster Fuck la corrente di pensiero è la stessa di Mr. Kalashnikov: il suono è più sporco discostando i pezzi dal percorso seguito dall’album fino ad ora.
Ma nel mezzo abbiamo You Own Me e Last Chance To Dance, più dolci e ritmate da melodie bubblegum.
Nonostante un paio di brani più pesanti, l’album è convincente e piacevole da ascoltare con il suo giusto equilibrio di ritornelli melodici e puro punk rock e ci fa sentire un po’ meno la mancanza dei “fratelli”!

P.S. il bassista che sostituì il grande Dee Dee Ramone si esibito dal vivo il 14 dicembre al Ramones Museum!

TRACKLIST
1. Understand Me?
2. Won’t Stop Swinging
3. One More Chance
4. Carry Me Away
5. ‘Til The End
6. Long Way To Go
7. Mr. Kalashnikov
8. Pitstop
9. Grunt
10. You Own Me
11. Last Chance To Dance
12. Cluster Fuck

 


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: