Clash to me: le radici del punkrock

Clash to me: le radici del punkrock
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

“CLASH TO ME” Racconto Punk di provincia di e con: Andrea Merendelli + stra combat rock live band
CLASH TO ME è un viaggio alle radici musicali e culturali della rivoluzione “punk rock”, vista con gli occhi di giovani sbandati di provincia di fine anni ’70.
CLASH TO ME nasce dall’amore profondo e viscerale per l’avventura musicale dei CLASH, “the only band that matters”, l’unica band che conta, come è stata definita dal più grande critico rock di tutti i tempi, Lester Bangs.

CLASH TO ME nasce dai ricordi di 25 anni d’Italia, di Toscana, di provincia minore e marginale che ha segnato (e a volte sfregiato) le nostre vite. Gli sfregi che non si dimenticano sono la morte di Roberto Procelli, un amico. Un giovane toscano d’Anghiari che lasciò i suoi 20 anni fra le macerie della Stazione di Bologna. Una strage che uccise con lui, altre 84 persone. Era il 2 agosto del 1980. Qualche settimana prima delle 10,25 del 2 agosto 1980, i CLASH suonano a Bologna. Chissà se Roberto avrà visto i CLASH a Bologna, i CLASH dell’infuocato concerto di Piazza Maggiore. Un mese dopo Roberto sta tornando a casa, forse ha visto quel concerto, ma noi non lo sapremo mai.

Da questa domanda, che ci portiamo dietro da 25 anni, dalla morte di Roberto e dalla morte di Joe Strummer, voce dei CLASH e colonna sonora della nostra vita, nasce il racconto punk, visione adulta dei ricordi di giovani sbandati, che vivono nella ridente Toscana e sognano Londra e il degrado urbano. Una storia di giovani auto-esclusi, ora maturi e integrati, riassorbiti in questa bella società che, a parole, volevano fottere. Ex-giovani punk senza meta, che oggi hanno 40 anni, sono pelati e con la pancia sfatta. Una ex gioventù bruciata che oggi vive una maturità lessata.

Andrea Merendelli racconta con rabbia e urgenza, poesia e assenza di ogni retorica da palcoscenico.

Da sfondo alla sua storia, la musica suonata dal vivo dagli STRA, una band che non ha mai considerato i CLASH un ex-gruppo.

FARDELLI D’ITALIA tour è il titolo che abbiamo voluto dare al peso insopportabile dell’ingiustizia. Tre di queste date sono nei luoghi straziati dall’infamia (Anghiari, nostra città d’origine e luogo di nascita di Roberto Procelli, primo corpo estratto dalle macerie ad essere identificato; Brescia, città massacrata 25 anni fa in Piazza della Loggia; e infine Bologna, luogo della peggior strage dell’Italia “democratica”, dove il nostro racconto comincia e idealmente si conclude): la musica, la rabbia e anche la vitalità “simbolicamente” indistruttibile di CLASH TO ME, alzeranno il volume perché l’Italia sorda sappia sempre che c’è un’Italia che grida e che non dimentica. Mai. Giustizia per le stragi fasciste.

Le date:
> Chiusi Festival orizzonti (SI), 15 agosto ore 21,30
> Brescia, radio onda d’urto festival, 25 agosto ore 21,30 in memoria di piazza della Loggia


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >