DEROZER: Chiusi dentro

DEROZER: Chiusi dentro
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
DEROZER: Chiusi dentro

Dopo più di un anno di attesa arriva l’ultimissimo album dei tre vicentini Derozer.Son passati quasi 10 anni dalla prima produzione e i nostri sono rimasti quelli che erano quando hanno cominciato… una band punk che suona punk con uno stile punk e un’attitudine punk. Ennesima conferma è questo “chiusi dentro”, album dal titolo quantomai emblematico, baluardo della loro filosofia, mai piegata alle regole classiche del music biz… se i derozer son diventati un’icona del punkrock nazionale in questi anni lo devono senza dubbio alla loro grandissima attitudine con la quale hanno sempre dimostrato a fatti e non a parole cosa significhi suonare in una punk band…E non è un caso che questo cd esca proprio per la Derotten records, etichetta indipendente capeggiata dei due derozer Seby e Mendez che, oltre al loro cd, si stan ultimamente dando un gran da fare promuovendo valide punk bands dello stivale..Tornando al cd… che dire… i nostri hanno schiacciato ancora di più sull’accelleratore… ed il risultato è un punkrock con cantato in italiano, veloce, a 4000 all’ora, stacchi precisi, batteria a tarello, voce il classico “Seby style”, liriche potenti… l’unico peccato è non vedere la faccia del Mendez mentre si ascolta il disco.Dodici i brani proposti, pezzi che fanno notare una crescita compositiva a livello di testi, che appaiono più seri e ancora più disincantati sebbene mantegano un’ironia di fondo, alle volte di monito, critci o d’attacco.. con quache intromissinoe nella sfera affetiva (amici mai)…Alla fine son sempre i derozer.. non c’è stato nessun cambiamento di programma.. probabilmente, appunto, qualcosa di diverso lo si può notare dall’accresciuta velocità, ma il sound rimane pressochè inalterato.. conferma che i nostri si son proprio -chiusi dentro-. Niente puttanate in stile new american punky style, niente ragazzini svitati che confondono baldoria e divertimento con punk… i Derozer scendono in piazza più aggressivi di prima.. e, in un periodo in cui la moda impone tutt’altro concetto di punk, la scelta è coraggiosa e va premiata.I fan dei vicentini non rimarranno sicuramente delusi, il cd è un’ennesima sferzata tra i coglioni… Acquisto obbligatorio.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: