DEROZER: Passaggio a Nordest

A distanza di ben 13 anni i Derozer tornano con un nuovo album: “Passaggio a Nordest” è uscito in questi giorni per Indiebox Music e rappresenta il ritorno sulle scene di una delle più importanti punk rock band italiane di tutti i tempi.
Ne sono passati di anni da “Di Nuovo in Marcia”, tante cose sono successe (pause, scioglimenti, riappacificazioni e, soprattutto, l’addio di Mendez, allontanamento dolorisissimo per tutti i fans) e tante cose dovranno succedere, con la speranza che questo ritorno sia duraturo e continuo perché come dimostra “Passaggio a Nordest” i Rozzi hanno ancora tanto da dire.
L’album si forma di 10 pezzi in puro stile Derozer: veloci, graffianti, dalle liriche impegnate e mai banali, capaci di parlare ai giovani ma anche ai più attempati.
Si parte con Io Credo in te, vero e proprio inno al non mollare e al credere sempre nei propri sogni e si arriva a Zombie, pezzo che avevamo già imparato ad amare in occasione dell’uscita della raccolta “Fedeli Alla Tribù” nel 2012. Nel mezzo si registrano solo note positive, a partire dalla drammaticamente attuale Il Cuore del Mare, pezzo che preferisco non solo per la tematica affrontata (tragedie degli sbarchi durante i flussi migratori) ma anche per la melodia. Lo stile delle tracce e il sound è a metà tra “Di Nuovo in Marcia” “Mondo Perfetto“: canzoni come Camminerò da Solo La Vita è Una Corsa si fanno apprezzare per la loro velocità, ma allo stesso tempo per la loro immediatezza, mentre Vecchio Punk rappresenta la presa di coscienza che gli anni passano per tutti, ma se una cosa te la senti dentro, lo scorrere del tempo risulta solo marginale.

Degne di nota anche l’impegno sociale di Una Giornata non Basta e la title track che racchiude tutto il senso dell’album: andare avanti per la propria strada senza curarsi troppo di ciò che è successo ma prendendo sempre tutto ciò che c’è di buono nelle varie esperienze (azzeccatissima la metafora della nave e il suo continuo richiamo in più pezzi).
Solitamente non mi dilungo così tanto nelle recensioni, ma con i Derozer non posso non fare un’eccezione: siamo davanti a un album sincero e onesto, un album che conferma la grande capacità del quartetto vicentino di saper parlare alle persone attraverso parole e musiche e quella altrettanto importante di saper toccare sempre i tasti giusti.
“Passaggio a Nordest” è un album senza tempo, del resto i Derozer sono e saranno sempre una band senza tempo.

Tracklist:

Io Credo in te
Camminerò da Solo
Vecchio Punk
La Vita è una Corsa
Il Cuore del Mare
Una Giornata Non Basta
Passaggio a Nordest
La Notte
Blogger
Zombie