DEVIATES: Time is the distance

DEVIATES: Time is the distance
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
DEVIATES: Time is the distance

I Deviates sono attivi dal 1994 e “Time is the distance” è il loro secondo full-length, il primo per la casa discografica Epitaph.Mentre mi accingo ad ascoltare il CD dei Deviates comincio a guardare il booklet: la copertina carina, all’interno vi sono tutti i testi e fortunatamente manca la lunga lista dei ringraziamenti, a mio avviso inutile poichè non la legge mai nessuno. Dopo tutto deve per forzaessere confezionato in modo adeguato, poichè la casa editrice è la Epitaph, la quale non ha certo problemi economici e quindi non risparmia sul packaging, proponendo sempre prodotti subito appetibili all’occhio. Una volta inserito il CD nel lettore colgo subito le carateristiche principali del sound del gruppo: punk-hardcore bello veloce tipo Pennywise, conun’iniezione metal ed una voce che non può non ricordare quella degli Offspring:in canzoni come “the end” vi sono anche i coretti tipici a cui l’amata/odiata band famosa in tutto il globo ci ha abituato. Riff di chitarra “stoppati” li possiamo trovare su tutta la percorrenza del nostroascolto, come anche alcuni assolini brevi sparsi qua e là. C’è però secondo me qualcosa che manca, che non gli dà la spinta giusta per farceli ricordare, per inserirli nella lista delle nostre punk band preferite.Forse i ritornelli troppo poco incisivi, che non ricordo al primo ascolto come spesso mi capita con gli album più belli del genere su cui si snoda il sound della band. Nonostante ciò ritengo che questo album sia di buonafattura, ben suonato e ben strutturato, divertente ed immediato: purtroppo però per emergere nel mare delle uscite discografiche del mercato odierno non basta essere precisi, d’impatto e divertenti. Per concludere, “Time is the distance” è un buon lavoro, ma prima di acquistarlo vi consiglio di ascoltarlo almeno un po’, poichè rischierebbe di essere uno di quei CD che dopo 2 settimane finiscono dimenticati sullo scaffale, sotto tutti gli altri.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: