DIECAST: Tearing down your blue skies

DIECAST: Tearing down your blue skies
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

DIECAST: Tearing down your blue skies

Il terzo album è solitamente il più difficile per una band, un passo fondamentale per testare la propria credibilità sul mercato e nei confronti delle scelte stilistiche intraprese. Per evitare tutto ciò i Diecast hanno fatto le cose in grande stile, dapprima accasandosi sotto il prestigioso marchio Century Media e poi proponendo un tipo di musica, che seppur distante dai precedenti dischi racchiude in sé i gusti dei musicisti stessi.

Gusti perfettamente in linea con le tendenze odierne in ambito hardcore, vale a dire un sound dalle forti tinte metal e ricco di fraseggi ben studiati alle voci. Chi già li conosceva dopo aver ascoltato “Undo the wicked” e “Day of reckoning” si troverà spiazzato di fronte a questo nuovo disco, così studiato e privo di quell’immediatezza tipica di chi non ha nulla da perdere.
Ma d’altra parte i tempi cambiano e giustamente anche la musica, e proprio da questo concetto è innegabile il fatto di trovarsi di fronte a una buonissima produzione metalcore, suonata da musicisti con le palle (mettersi in gioco non è mai cosa facile) e capace di conquistare tanti nuovi fan. In “Tearing down your blue skies” non sembra mancare proprio nulla, riff corposi e privi di sbavature si incanalano alla perfezione con una sezione ritmica pompata all’inverosimile e devota a ogni sorta di tempo.

Mai e poi mai avrei pensato i Diecast come una band dalla pregevole tecnica, e invece eccomi puntualmente smentito dalla bravura dei due chitarristi, fedeli a trame tipicamente metal e abili nell’impostare a loro piacimento brani dalla durata media di tre minuti.

Altra nota di merito è da assegnare alle voci, capaci nella loro alternanza tra tonalità melodiche e altre più rabbiose di distogliere l’attenzione dell’ascoltatore dalla musica, a tratti molto pesante e con un occhio di riguardo per parti mosh ottime per essere proposte dal vivo. Altra caratteristica importante è la resa dei brani dal vivo, e stando a sentire la potenza sprigionata da questo nuovo album è facile prevedere massacri sotto il loro palco (tenetevi quindi pronti visto che a dicembre arriveranno in Italia in compagnia di Terror e Agnostic Front).
Gran bel disco quindi, capace di racchiudere in sé passato e presente di una band in rampa di lancio verso il meritato successo.
8
Track List:
1. Fire/damage2. Seize the day3. Torn from within4. Savior5. Rise and oppose6. Sacrifice7. Medieval8. Traitor9. These days10. Pendulum11. Rebirth


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >