Esplosione punk rock coi mitici Nabat

Esplosione punk rock coi mitici Nabat
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
Esplosione punk rock coi mitici Nabat

Al Miami la storica band che ha segnato l’Italia e non solo

Basterebbe solo questo titolo per presentare la grande serata di sabato 13 febbraio al Miami Club di Monsano. L’ospite annunciato non ha infatti bisogno di essere descritto, perché ha segnato la storia musicale del nostro paese negli anni d’oro del punk. Parliamo dei Nabat, che saranno ospiti al Miami in occasione di Rock The Night, il party 100% rock per i veri amanti di questo genere.

Una premessa doverosa: i Nabat non si esibiscono nelle Marche da 6 lunghi anni, quindi avranno sicuramente voglia di mettere a soqquadro il club di Monsano con i loro più grandi successi.

Questo live si inserisce nell’evento Hardcore Punk Celebration, che prende spunto dai festeggiamenti ufficiali per i 40 anni della cultura punk londinese. Un appuntamento organizzato in collaborazione con Filottrano City Rockers, Castelfidardo Hardcore Crew e Skatepark Osimo Ignopark.

Ma rinfreschiamo la memoria soprattutto ai più giovani. I Nabat, che devono il loro nome alla federazione anarchica ucraina “Campane a stormo” (in russo, appunto, “nabat”) sono un gruppo musicale Oi! Skinhead nato a Bologna nei primi anni Ottanta. Agli esordi era un gruppo ufficialmente apolitico (attributo che nelle comunità skinhead non significava “disimpegnato”, ma semplicemente non affiliato ad una precisa fazione politica), con forti tendenze anarchiche. Si formarono ufficialmente nel 1979 dall’incontro di Steno (voce), allora appena fuoriuscito dai RAF Punk, Stiv (chitarra), Giulio (basso) e Davide (batteria). La formazione attuale vede Steno sempre alla voce, mentre le chitarre sono in mano a Riccardo Pedrini e Marco Farini. Al basso Carlo Curti, alla batteria Alessio Canepa.

Nel 1981 registrarono il loro primo split su cassetta con i Rip Off, ma si sciolsero una prima volta nel 1987 in seguito a un periodo di crisi della scena skinhead italiana di cui erano i principali animatori tramite i raduni Oi! da loro organizzati. In seguito allo scioglimento, il chitarrista Stiv entrò a far parte degli inglesi Skrewdriver. I Nabat tornarono in attività nel 1995 per una serie di concerti di beneficenza ma si sciolsero nuovamente nel 1998. Alcuni anni dopo Steno riprese a fare musica col gruppo Laida Bologna Crew, esperienza che durò fino al 2006 quanto decise di riformare i Nabat. Nel 2010 il rientro del chitarrista Riccardo Pedrini, mentre nel 2013, dopo 17 anni di assenza dagli studi, incidono un omonimo EP su vinile 7″, pubblicando tre brani inediti. Nel 2014 esce uno split tape con il gruppo romano Colonna Infame Skinhead, acclamato dagli amanti del genere. Restano comunque pietre miliari del punk rock italiano i due album Un altro giorno di gloria (1985) e Nati per niente (1996), oltre ovviamente ai due singoli Scenderemo nelle strade e Laida Bologna.

La seconda stagione di Rock The Night continua quindi in grande stile e per questa data, oltre al concerto dei mitici Nabat, si raddoppiano le sale con 6 djs. Alle 23.30 sul palco in sala principale i Lights Out (Rage Against The Machine tribute), a seguire in consolle fino all’alba dj Bruno, Zullo, Mata jr. Nella Redrum, come detto, Hardcore Punk Celebration con consolle affidata a Jerry Brigante, Borkia & Littdust.

So, hey you rockers… Are you ready to Rock The Night again?


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: