FAKE PROBLEMS: It’s great to be alive

FAKE PROBLEMS: It’s great to be alive
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

FAKE PROBLEMS: It’s great to be alive

Dopo essere passati recentemente in Italia in compagnia degli SMOKE OR FIRE (vero peccato esserseli persi) è con molta sorpresa e una buona dose di curiosità che mi ritrovo tra le mani questo nuovo disco dei semisconosciuti (almeno per me) FAKE PROBLEMS e con altrettanto stupore che scopro sia la sempre più intraprendente SIDEONEDUMMY a pubblicarlo.
Un album che non delude le aspettative. Un album di personalità. Un album camaleonte per come cambia brano dopo brano, per la capacità che ha di sorprenderti proprio quando pensi di aver trovato la chiave di lettura giusta.

L’unico filo conduttore di tutto il lavoro rimane la voce del frontman Chris Farren, che ci guida sicura in questo variegato viaggio all’interno del punk-folk-pop-rock-dance targato FAKE PROBLEMS.

Ad aprire le danze ci pensa la bellissima “1234” che ci conduce senza esitazione agli AGAINST ME di “New Wave”, sia per l’incedere sicuro e costante della batteria che per la voce di Farren, che molto ricorda nelle sue melodie quella di Mr. Gabel (vedi anche il ritornello di “Diamond Rings”)A seguire troviamo quello che a mio parere è il miglior brano del disco, “The Dream Team”. Le chitarre aperte reggono alla grande il ritmo mentre una tastierina da video giochi ti bombarda la testa, già messa alla prova da un testo sarcasticamente patriotico (“I want to be the American Dream”).
Giusto un piccolo assaggio elettronico però rispetto all’assolo dance-pop che conclude “You’re Serpent, You’re a She-Snake” mentre la misteriosa “Level with the Devil” porta con se un po’ di gipsy music, l’ingrediente giusto per evitare di annoiarci.

Se poi vi trovate anche a barcollare canticchiando la ballata folk “Tabernacle Song” senza conoscerne le parole è un rischio che avete dovuto prendere.

“It’s great to be alive” è un disco fuori standard, creativo nelle sue svariate sfumature, un po’ come tutti quelli di casa SIDE ONE DUMMY.
Se avrete voglia di lasciarvi trasportare potreste anche innamorarvene…
Voto: 7/10


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >