Happy meals 3

Happy meals 3
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
Happy meals 3

Che la vena pop dei Lagwagon stia prendendo il sopravvento sul resto credo sia ormai fatto sotto gli occhi di tutti; Joey Cape a capo del progetto emo-pop Bad Astronaut ed ora una versione -carina ma niente più- in chiave unplugged come inedito della band principale per questa compilation-presentazione ormai al terzo volume dell’etichetta “di famiglia”, appunto My records. Label questa che, nel suo piccolo, si sforza di muoversi in molteplici direzioni, dal country alternativo all’acustico, dal pop al punk, ovviamente. I risultati sono però altalenanti e questo sampler ne è lo specchio fedele; infatti pur apprezzando la buona volontà e la “ricerca” di talenti ci troviamo di fronte a ventun brani di cui un buon 40% rientra nel ³senza infamia senza lode² e con una manciata di pezzi che potrebbero giustificarne il potenziale acquisto, ben poca cosa al giorno d’oggi. Il discorso poi è sempre lo stesso: non che i brani siano brutti in se, solo che quando arriva la fine del disco le emozioni sono veramente poche, e portano i nomi (noti) di Me First and the Gimme Gimmes (sempre grandi, stavolta alle prese con Bob Dylan), Nerf Herder e Bad Astronaut, capaci di dimostrare di essere un side project di tutto rispetto, e poco altro. Personalmente poi consiglierei di considerare “osservati speciali” gli emo-pop-punk Goleta e i più convenzionali Ashtray Babyhead, ancora non perfettamente a fuoco ma con notevoli potenzialità. Altro da dire non v’è, se non che probabilmente gli effetti di questa iper-produzione del genere si faranno sentire a medio-lungo termine, e speriamo che non siano troppo devastanti.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: