JOE STRUMMER & THE MESCALEROS: Streetcore

JOE STRUMMER & THE MESCALEROS: Streetcore
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
JOE STRUMMER & THE MESCALEROS: Streetcore

Questo che abbiamo tra le mani (e nelle orecchie) non è il disco che Joe Strummer avrebbe voluto, e non lo è perché un banale attacco di cuore ci ha privati di una delle menti musicali più illuminate della storia del rock un anno fa circa.

Purtroppo o per fortuna, decidete voi, quando i rimanenti Mescaleros si sono trovati davanti agli abbozzi di Joe hanno pensato bene di completare l’opera da lui iniziata e, dopo un anno, eccoci al cospetto “Streetcore”.

Un disco che suona strano, composto da dieci pezzi di cui due strumentali e due cover, forzatamente disomogeneo ma, fatto straordinario almeno per il sottoscritto, incredibilmente affascinante.
Adesso che il tempo della pietà umana è giustamente finito possiamo dircelo: non è che i due ultimi dischi di Joe fossero granché, ed anche se possiamo apprezzare l’aspetto contaminatore di “Global a Go-Go” non ci sogneremmo mai di paragonarlo a, che so, “London Calling”. Ma “Streetcore”, che ovviamente non raggiunge simili vette compositive, si riallaccia proprio alla storia dei Clash e quel che ne viene fuori è la splendida “Coma Girl”, un pezzo che varrebbe da solo l’acquisto del disco. Troviamo poi anche gemme di assoluto valore che portano il nome di “Get Down Moses”, “Long Shadow” (eh lo so, sono le prime tre, che ci posso fare?) ed anche le cover, meno scontata “Silver and Gold” di Bobby Charles che l’abusata “Redemption Song” marleyana, ci confermano che la voce di Joe è una delle più belle di sempre. Chiamare i brani rimanenti riempitivi sarebbe forse troppo duro, ma crediamo che se non ci fosse stato questo lutto non li avremmo mai neppure ascoltati. Il lavoro dei Mescaleros è encomiabile, equilibrato e, crediamo, rispetti appieno lo spirito dell’uomo Strummer, e stringe il cuore sapere che questo è l’epitaffio sulla storia musicale di un uomo che non vogliamo dimenticare. Altre cose verranno fuori dagli archivi, ne siamo certi, ma non ci piacerebbe sentire l’odore della speculazione su queste cose, speriamo.

TRACKLIST
1. Coma Girl 2. Get Down Moses 3. Long Shadow 4. Arms Aloft 5. Ramshackle Day Parade 6. Redemtion Song 7. All In A Day 8. Burnin’ Streets 9. Midnight Jam 10. Silver And Gold


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >