LEFTOVER CRACK: Constructs of the State”

LEFTOVER CRACK: Constructs of the State”
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LEFTOVER CRACK: Constructs of the State”

Eccoci finalmente a parlare di “Constructs of The State”, il nuovo attesissimo album dei Leftover Crack.
Attesissimo perche “Fuck World Trade”  è datato 2004 e “Mediocre Generica” addirittura 2001.
“Constructs of The State” rappresenta il primo full length della punk band di New York sotto Fat Wreck Chords e non ci poteva essere “esordio” migliore: 13 pezzi al solito eterogenei tra di loro, anche se leggermente meno rispetto al lavoro precedente.
Si parte con la sfuriata HC di Archaic Subjugation, dal riff che fa venire in mente la We Must Bleed dei Germs, HC che sfiora il metal in Slave to The Throne.
I pezzi più punk-rock sono quelli che si fanno preferire, sto parlando di Don’t Shoot, dal sing along che rimane in testa immediatamente, la successiva Loneliness & Heartache (una delle tracce che preferisco), Vicious Constructs, che vede la partecipazione di Bryan e Pete dei Bouncing Souls come backing vocals e Amanecer de Los Muertos, che, dopo 1:10 di punk-hc, si risolve nel più classico dei punk-rock.
I Leftover Crack non hanno abbandonato lo ska (tipico dei Choking Victim, vecchia band del frontman Scott Sturgeon aka Stza) e Corrupt VisionPoliamor Fiesta Crack! ne danno la conferma. Senza dimenticare System Fucked in cui è al centro la partecipazione di Jesse Michaels degli Operation Ivy che si alterna alla perfezione con Stza.
Il tutto si conclude con una stranissima The War at Home in versione techno-dance-hardcore che testimonia ancora una volta quanto i Leftover Crack sappiano mischiare generi come nessun altro.

Tanti anche questa volta i featuring, dai già citati Bouncing Souls, a membri di Riverboat Gamblers, Crass, Star Fucking Hipsters, Choking Victim e The Dead Milkman.
I consueti testi incazzati e politicamente scorretti contribuiscono a fare di “Constructs of The State”  un album da ascoltare e riascoltare tutto d’un fiato, sicuramente tra i primi tre del 2015.
Sempre secondo il sottoscritto.

Tracklist:

Archaic Subjugation
Don’t Shoot
Loneliness & Heartache
System Fucked
Slave By The Throne
Bedbugs & Beyond
Corrupt Vision
Last Legs
The Lie of Luck
Poliamor Fiesta Crack!
Vicious Constructs
Amanecer de Los Muertos
The War at Home


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: