L’INVASIONE DEGLI OMINI VERDI: 16 Anni Dopo

L’INVASIONE DEGLI OMINI VERDI: 16 Anni Dopo
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
L’INVASIONE DEGLI OMINI VERDI: 16 Anni Dopo

Non ci si può far niente, il tempo passa per tutti. Ma c’è chi al posto di piangersi addosso festeggia, come L’Invasione Degli Omini Verdi, che con un misto di nostalgia e voglia di cambiamento pubblicano una raccolta di loro pezzi cult – ma in una nuova veste.

16 Anni Dopo è un doppio album che ti prende dalla prima all’ultima traccia. Chi di noi non ha mai cantato Mondo a parte, Stella e Giorni instabili? Ecco, nel CD 1 le troviamo tutte, per un totale di ventitré tracce, ma in versione reinterpretata. Se migliore o peggiore lo decidono il cuore e le orecchie di chi ascolta. C’è chi percepisce l’esperimento come un sacrilegio e chi – sicuramente la maggior parte – un ottimo modo di riportare alla luce brani che hanno segnato pezzi di vita della band, ma anche di chi li ha sempre seguiti. E, perché no, un modo di lanciarsi in un nuovo inizio. Ed ecco infatti arrivare il CD 2, che conta otto brani suddivisi tra tre inediti, un B-side, una cover dei Clash, due acustici e un radio. I primi, potenti e melodici, sono la continuazione de Il banco piange – penultimo album della band, uscito nel 2013 – che sommati agli costituiscono la chiusura ideale dell’EP.

Insomma, tanti hanno l’obiettivo di stupire il pubblico, ma solo pochi ci riescono – e L’Invasione non delude mai.

 

TRACKLIST

 

CD 1

  1. Non c’è più tempo – 2. Mille pensieri – 3. Come sei – 4. Invisibile – 5. Nel nome di chi? – 6. Ancora qui – 7. Avrai – 8. Il meglio di me – 9. Se non ci fosse – 10. Illusione – 11. Mondo a parte? – 12. Stella – 13. Un’altra stella – 14. La linea del tempo – 15. 98 – 16. Il bene comune – 17. Giorni instabili – 18. Rottami – 19. HCO – 20. Lamenti – 21. Nato morto – 22. Violentami – 23. L’Italia che muore

 

CD 2

  1. Vogliono tutto – 2. Mai – 3. Non sei più niente – 4. E c’è – 5. Il tempo in scatola (radio edit) – 6. Police on my back – 7. Ancora qui (acoustic) – 8. Nato morto (acoustic)


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: