Mad In Ska@Les Eguillennes (Eguilley, F 24/06/17), By Elvira

Mad In Ska@Les Eguillennes (Eguilley, F 24/06/17), By Elvira
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Torna a raccontarci i suoi concerti la nostra amica Elvira, che mi ha fatto conoscere ed apprezzare una band che merita molta attenzione come i Mad In Ska. Oggi ci racconta del ritorno all’attività live dei ragazzi di Lons-Le-Saunier, enjoy!

Mad in Ska @ Festival Les Eguillennes 24/06/2017

Dopo alcuni mesi di pausa creativa, tornano sul palco i Mad in Ska, e io torno a rivederli per la quindicesima volta in due anni, in occasione dell’edizione 10bis del Festival Les Eguillennes. 10bis perché la decima edizione, che si sarebbe dovuta tenere lo scorso anno con i migliori artisti delle prime nove edizioni, fu annullata per avverse condizioni meteo, e si realizza quindi quest’anno col meteo che ci arride (fin troppo).
Il festival si svolge in mezzo ai campi di grano a una trentina di chilometri da Besançon, e presenta 14 artisti su due palchi nel corso di due serate, venerdì e sabato, con una presenza di pubblico di più di un migliaio di persone a serata.
I Mad in Ska entrano in scena alle 22 di sabato 24, con una scaletta parecchio rinnovata rispetto alle precedenti esibizioni. Si comincia infatti con una nuova intro strumentale, a cui seguono a ruota pezzi del secondo album “Le poids de l’histoire”, uscito nel 2015, e, sorpresa sorpresa, una cover di “Algo mejor”, degli spagnoli The Locos, costola degli Ska-P.
Il cantante Ben, con la sua asta del microfono versione spada laser, si diverte e diverte il pubblico, supportato da una chitarra ancora più potente e incisiva del solito e da una sezione fiati sempre più compatta. I pezzi scorrono veloci, da “Ma bonne étoile”, piccolo elogio della follia (ancora non presente su nessun disco) a cui sono particolarmente legata, a ripescaggi dal primo album “G8, j’ai rien”, del 2010. Il pubblico partecipa cantando e pogando, sia sui pezzi dal contenuto più impegnato che su quelli ludici e festosi.
Non può mancare il grande classico “Enfants de la révolution”, inciso con la preziosa partecipazione di Pulpul degli Ska-P.
L’ora di tempo concessa all’interno del festival sembra volare, fino ad approdare alla chiusura a grande richiesta col brano “Mad in Ska” che recita “Mad in Ska pour tout oublier”: per dimenticare tutto. Anche la stanchezza delle ore di viaggio in macchina e le ustioni dal clima torrido di questi giorni. Perché il divertimento e la gioia della condivisione è quello che conta, e i ragazzi ne sanno offrire a piene mani. Sperando che tornino presto a trovarci dalle nostre parti.

Ed ecco un po di fotografie della serata, ringraziamo come sempre Elvira per questi bellissimi racconti!!

 


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: