Marearock Festival (19.-21.07.2017 – Elche/ESP)

Marearock Festival (19.-21.07.2017 – Elche/ESP)
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Day 1:

Per tanta gente  questo è il periodo di vacanze relax sulle spiaggie più belle. Per me la vera vacanza resta sempre qualche festivalone in terra iberica e se possibile anche un pò di mare (non deve essere il mare più bello, mi accontento che sia mare). Mercoledì, 19 luglio 2017 parto con Lukas. Aeroporto Bergamo e volo a Valencia. Giro in quella bellissima città che ormai conosco abbastanza bene, poi si va a Xerraco a un’ora da Valencia in treno per rivedere la mia migliore Amica di sempre dopo mesi e la sera Blablacar da Valencia al Marearock Festival ad Elche – ma in realtà a pochi chilometri dall’Aeroporto Alicante. Così torno per la quarta volta consecutiva al Marearock Festival che nel 2014 era stato il mio primo festival in terra iberica. Dovrebbero suonare alcune band spagnole che non conosco, ma poi scopriamo che oggi per problemi tecnici non suona nessuno. Questa la bella scoperta oltre a quella che per raggiungere il festival a piedi dalla nostra stanza, anche se a soli 5 minuti, un pezzo dobbiamo camminare su una strada nazionale. Ma un pò di avventura ci deve pur esserci. Scherzi da parte, decidiamo di mangiare qualcosa e di andare a letto dopo una giornata di viaggi per essere in forma per il festival i giorni dopo.

Day 2:

Ci alziamo con tutta calma e andiamo all’area festival – perchè da lì c’è un autobus organizzato che alla modica cifra di 1 Euro ti porta alla spiaggia a 15 minuti di distanza (questa è organizzazione a 360 gradi). Andiamo in spiaggia, cerchiamo a lungo la spiaggia accessibile per disabili. Una volta trovata, anche lì organizzazione al top. Facciamo il bagno, torniamo in hotel e finalmente ci prepariamo per il festival. Per me la prima cosa che ci vuole per un bel concerto o festival non sono i gruppi grossi, ma la compagnia giusta, le persone giuste. In tal senso incontro subito una persona che volevo rivedere da un pezzo e la voglia di festa in me sale definitivamente.

Ci godiamo i Los De Marras, band rock valenciana che a questi festival gioca in casa. Da poco è uscito il nuovo album di questa bella band, ma le canzoni che tutto il numeroso pubblico aspetta sono i classici come “A Tu Vera”“Revolviendo”, ecc. Loro mi piacciono sempre parecchio live perchè il pubblico partecipa molto ai loro concerti.

Dopo sale sul palco una band storica della scena in terra iberica, i Lendakaris Muertos. Loro sono un gruppo Punk di Pamplona – però un loro componente è un personaggio molto conosciuto ed apprezzato anche dalle nostre parti – ovvero Joxemi dei mitici Ska-P alla chitarra. Sono sincero, i Lendakaris per tanto tempo non li ho mai seguiti troppo da vicino, ma mi piacciono sempre di più. Il loro live è sempre coinvolgente. Nota extra per una canzone per la quale la band scende dal palco per suonarla in mezzo alla tantissima gente. Dopo il concerto litigo coi tipi della security che per tutta la sera si fanno notare per la loro estrema ed esagerata fiscalità su ogni cosa: sia coi tempi per i tanti fotografi che anche se li chiedi un piccolo favore. Eh già, perchè da quando ho saputo che il grande Joxemi da un pò suona con i Lendakaris, mi sono promesso che al prossimo loro concerto sarei andato a salutarlo (quante volte ci eravamo incontrati in Italia!) Dopo alcuni minuti, uno dei Lendakaris mi porto fuori l’apposito bracialetto e posso entrare. Quattro chiacchiere con Joxemi & co. in backstage e lui si ricorda benissimo che coi No Relax anni fa era stato anche vicino a Bolzano a suonare. Un grande!

Fuori intanto cambiano il palco e iniziano a suonare gli Aspencat. La band valenciana con il suo interessante mix tra elementi di Punk, Ska, Folk, rap e anche musica elettronica è sempre seguitissima e molto brava sul palco. Cantano in valenciano e riesco ancora a sentirmi alcuni dei loro classici come “La distancia” o “Vull brindar”. Anche se causa stanchezza non vedo l’intero concerto stavolta (sono quasi le 2 ormai), posso dire due cose: gli Aspencat sono sempre belli e soprattutto che mi mancheranno…Questo infatti è il loro ultimo tour prima di una pausa…

Day 3:

Altra giornata in spiaggia per noi prima di tornare a questo splendido festival. In realtà oggi non sono tantissime le band che conosco o che mi interessano molto. Ma questo ha anche una cosa molto positiva: posso passare un pò più di tempo con alcune grandissime persone che ormai porto nel cuore, ma che causa distanza purtroppo vedo sempre poco. Perchè la prima cosa, al di là di gruppi e tutto il resto, restano le persone, gli Amici, la giusta compagnia.

Però i due concerti che oggi voglio vedere sono di assoluto livello. I primi sono gli El Ultimo Ke Zierre. Questa storica punk band la ormai la vedo spesso nei festival in terra iberica. Fanno sempre ottimi live ed è sempre molto bello ascoltare i loro classici, come “Soldadito Español”. Loro rimangono sempre una band di assoluto livello.

Già durante il live degli El Ultimo Ke Zierre arrivano al festival i grandissimi Kaos Urbano. Io intanto inizio a litigare nuovamente col tizio della security e che mi fa entrare solo dopo che anche il secondo dei Kaos Urbano gli chiede di farmi passare per poter stare un pò con loro. Peke & co. sono sempre tanta roba – sul palco e anche come persone. Infatti si fa quattro chiacchiere in allegria prima di un altro loro concerto strepitoso. Un mix tra vecchi classici come “Anos Salvajes”“Tu Pasado” e alcuni brani del nuovo album come la bellissima “Nuestros Mejores Momentos” non manca proprio niente. Loro sono una grandissima band in tutti i sensi e mi piacciono sempre un sacco. Scusate per la pessima foto, ma sempre il “Mister Simpatia” mi ha detto che se esco, anche solo per fare una foto, dopo non mi avrebbe più fatto rientrare…

Ma non conta nulla. Dopo ancora un pò di tempo insieme ai Kaos Urbano e qualche altra persona speciale che ho conosciuto in quella meravigliosa terra e che ormai porto sempre nel cuore. Poi purtroppo per noi è ora di andarci a riposare un pò, visto che già da tempo sappiamo che domani, nonostante qui ci sarebbe il giorno 3 (e con che gruppi!) ci sposteremo a Madrid! Ma una cosa è certa: il Marearock Festival è sempre una figata: bellissimi gruppi, ottima organizzazione e soprattutto bellissima gente! GRACIAS y nos vemos el año que viene!


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: