MATLEYS: Desirevolution

MATLEYS: Desirevolution
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
MATLEYS: Desirevolution

I Matleys potrebbero essere definiti come dei grandi “Paraculi”, vale a dire la classica band capace di avvicinare a sé diverse tipologie di ascoltatori. Sì, perché il loro è un rock dove trovano spazio elementi cari al sound brit, a quella corrente rock-minimal anni ’70 e perché no persino a nomi come Vines, Babyshambles e Subways. Il loro sound è volutamente acido, con suoni a mio modo di vedere volutamente old-school in sede di produzione (fondamentalmente perché pomparli quando il bello del rock è proprio il suo lato ruvido?!) e dove le chitarre a mio modo di vedere potevano essere leggermente curate meglio in quanto prive di quel calore che è solitamente utile a gruppi del genere per fare la differenza.

A questo aggiungeteci una sezione ritmica attenta a non confondere troppo l’ascoltatore attraverso stravolgimenti ritmici ma che bensì offre una performance massiccia sotto ogni aspetto. A chiudere il cerchio il cantato: volutamente monocorde e “freddo” nell’interpretazione ma quanto mai efficace nel dare quel mood apocalittico a ogni singolo brano. Rispetto ai frequenti episodi più “pettinati” in “Desirevolution” a spiccare il volo è soprattutto un brano come “Mr. Wolf” privo di ogni catena ed efficace nel suo lento incedere.

Un punto di partenza interessante in vista di un nuovo disco a mio avviso. A dare ancor più gusto retrò ai Matleys oltre all’immagine dei musicisti ci pensa l’artwork stesso, a mio avviso super in target con la proposta del quartetto. Un bel lavoretto insomma, ma per favore, nel prossimo disco destinate maggiori cure alla produzione dei suoni!


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: