MILLWANKS: Exit the Ace in First Hand

MILLWANKS: Exit the Ace in First Hand
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

MILLWANKS: Exit the Ace in First Hand

Visti per caso un anno fa sul palchetto laterale del Bubble Fest di Pavia, mi sono piaciuti subito, forse perché suonavano con così tanta naturalezza da sembrare nati per il palco piccolo e la gente a mezzo metro da loro, dopo quasi un anno hanno partorito il loro primo disco, pezzi loro più una cover degli Evil Conduct, ricevuto direttamente dalle loro mani, punk stradaiolo con tanto ska e testi irriverenti, ma facciamo come sempre un po d’ordine.

Già dal titolo si capisce che taglio vogliono dare al disco, si comincia fortissimo con suoni duri, i primi due pezzi sono prettamente streetpunk ed i testi affrontano argomenti seri in modo spassoso ed apparentemente leggero. Presente anche tanto ballabilissimo ska, il primo a muovere il culo è Seelvio con le minorenni, ed Immigrant Song, dove spiegano bene per filo e per segno quali sono le radici del gruppo, con tanto di kazoo Laurel Aitken e ballate reggae, ma il taglio divertente che hanno voluto dare al disco si fa sentire tutto con la parte finale, dove parlano di pornazzi e mode culinarie del momento su basi che mi portano indietro ai tempi del mio amato punk rock anni ’90, ed un bell’inno al loro pub preferito, il mitico Borgo Calvenzano di Pavia, col suo ritornello che ogni ciucatèll del mondo conosce. Presente anche una ghost track, che è un tributo al festival musicale che in questi giorni ha riempito il fossato del castello di Pavia.

Insomma molto legati allo spirito del ’69 ed alla loro città, divertenti e bravi musicisti, una grafica essenziale ma che apprezzo tantissimo, il disegno ed il titolo poi sono eccezionali, spero si capisca che il disco mi è piaciuto molto, un ottimo esordio direi, suonato bene, pensato per far ballare e sorridere ma che comunque ha dei contenuti di livello. Come dicono loro STAY PANZ, STAY OI!

Interamente autoprodotto dai Millwanks, mixato presso il PFL studio di Pavia.

tracklist:

01. Ken Cheero

02. Sterminio (karate bridge cathode tube massacre)

03. a Seelvio

04. Home Sweet Home (Evil Conduct)

05. Immigrant Song

06. Sasha Grey

07. 77A

08. Nazivegano


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >