NAKED: One Step Backward

NAKED: One Step Backward
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

NAKED: One Step Backward

Un’altra gemma preziosa riportata alla luce grazie alla Overground Records: i Naked, band di Sheerness, Kent, nascono nel 1979 grazie all’influenza della prima ondata delle Punk band britanniche e dopo pochi mesi iniziano a suonare dal vivo debuttando, stranamente, in Olanda. Nel 1979 i Naked registrano il loro primo demo, secondo il puro stile Do It Yourself, e nell’81 danno alle stampe il loro debut su cassetta intitolato “1981”. Dopodiché i Crass adocchiano la band e i Naked danno il pezzo “Mid-1930s Pre-War Germany” per la compilation “Bullshit Detector II”, curata dalla mitica anarcho-punk band. La rivista “Sound” recensisce ottimamente i Naked definendoli come una delle punk band più originali del periodo.

Infatti dopo questa collaborazione con i Crass i Naked finirono nel calderone anarcho-punk anche se ancora oggi è molto complicato definire il loro mix di suoni che richiamano al primo punk pur anticipando la new wave anni ’80.
Nel 1983 i nostri siglano un’alleanza con i Subhuman e suonano in diverse occasione con loro. Lo stesso anno la Bluurg Records fa uscire il 7″ “One Step Forward” che entra nella top 20 della classifica indie, restandoci per ben 5 settimane. Poco dopo i Naked incidono un altro singolo per la Bluurg che però non vedrà mai la luce. La band continua tra alti e bassi e nel 1987 il cantante Tony lascia la band per essere sostituito da una nuova vocalist di nome Paula, ma i Naked non sono più gli stessi e di lì a poco, per problemi vari, si sciolgono. Attualmente si susseguono voci relative ad un imminente ritorno dei Naked con Tony alla voce, ma non c’è ancora nulla di certo…
Passando alla compilation che ho tra le mani, vi posso solo dire di averla a tutti i costi. Nel disco sono presenti i pezzi usciti originariamente sui demo, sulla compilation e sul 7″ e una ventina di song inedite.

Come sempre la Overground ha curato la produzione e il suono, senza snaturare l’irruenza e l’immediatezza DIY. Il libretto è altrettanto ben curato e troverete all’interno la storia della band e foto inedite, tutto ad un prezzo “anarcho-punk”!

Tracklist:
Introductory – Brief Encounter/ Alienn/ Today I Die/ Simplicity Pays!/ Love You In Flames/ Confession/ Die Blind/ Promised Land/ Frightened/ Mid 1930’s Pre-War Germany/ What A Way To Die/ Our Correspondent/ Why Are You Running?/ Smile/ Evil Faces/ Frightened/ One Step Forward/ Alienn/ War Machine/ Suffer Little Children/ Research Deep/ Land Of Death/ Doomsday

Voto 9/10


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >