NEW YORK SKA JAZZ ENSEMBLE: Skaleidoscope

NEW YORK SKA JAZZ ENSEMBLE: Skaleidoscope
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
NEW YORK SKA JAZZ ENSEMBLE: Skaleidoscope

Partiamo dall’inizio.
NYSJE è un progetto nato per scherzo che riuniva membri di Toasters, Skatalites e Scofflaws (insomma il paradiso dello ska) impegnati a coverizzare in chiave skankeggiante i classici del jazz di Thelonius Monk, Otis Redding, Ruth Brown, Charles Mingus e tanti altri…col passare del tempo però questo scherzo è diventato maledettamente serio, e oggi dopo 5 album esce il loro sesto, Skaleidoscope, questa volta orfani del prodigioso Gigi “T_Bone” De Gaspari (già con Africa Unite, bluebeaters…), che era stato ospite speciale del precedente “Minor Moods”.

A differenza del precedente album gli Skatalites questa volta spingono più sull’acceleratore e sul loro lato ska che su quello jazz, dando un’impronta più allegra al loro sound, più ballabile; a questo proposito uno dei pezzi migliori è sicuramente Joelle con la sua ritmica saltellante e il suo finale in crescendo, più jazzy e strumentale ma ugualmente ballabile è My blue ska, mentre Obladì Obladà è ovviamente una cover dell’omonima hit dei Beatles, che qui diventa un rocksteady stupendo perfettamente incrociato col pop, con dei controcori veramente ad effetto.

Non aspettatevi quindi, cari fans della musica in levare, uno ska agitato come quello che va tanto di moda oggi nei rock clubs italiani al suono del quale giovani ragazzi crestuti si prendono a spallate cantando “Vorrei vedere le piramidi di Cheope/ ma sono miope/ ma sono miope”, aspettatevi invece classe, maestria, parti strumentistiche perfette e una musica in generale da ascoltare oltre che da ballare.
D’altronde questi NYSJE sono l’esatto punto di incontro fra ska e jazz: hanno dello ska la freschezza e l’allegria, e soprattutto l’andamento ritmico in 4/4 tanto facile da assimilare e che manca nel jazz, soffocato com’è dai suoi isterismi ritmici tanto di difficile esecuzione quanto di difficile assimilazione.

Per quanto mi riguarda uno dei dischi dell’anno, da recuperare ora che l’estate sta finendo per sfruttare questi ultimi raggi di sole caldo al meglio.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: