Punkadeka.it

NITROJUICE: Dark room Vernissage

NITROJUICE: Dark room Vernissage
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

NITROJUICE: Dark room Vernissage

Anche al sud qualcosa si sta muovendo e in Redazione stiamo constatando tutto ciò vedendo l’alto numero di demo e produzioni che ci arrivano da quelle terre da troppo tempo lontane dalle cronache musicali. Come avete potuto facilmente capire i Nitrojuice provengono dal sud, precisamente da quel di Lecce e hanno avuto la fortuna di trovare spazio nel giovane, ma ogni giorno più folto, roaster di casa Nh-N Records.
Non è la prima volta che sento parlare di questa band perchè gia qualche mese fà mi era giunto in redazione il loro primo demo in cui erano presenti due canzoni che a dir il vero mi avevo piacevolmente sorpreso ma che mi parevano decisamente insufficienti per esprimere alcun tipo di giudizio. Ecco arrivare quindi a pochi mesi di distanza il loro primo full-length (anche se contiene solo 7 pezzi).

Come molte (troppe) produzioni dell’ultimo anno “Dark Room Vernissage” cerca il proprio posto al sole all’interno dell’affollata scena emo-core italiana. Più che di emo-core ormai penso sia più giusto parlare di “manierismo” (non stò parlando sicuramente della corrente artistico/pittorico). I Nitrojuice appunto fanno musica “alla maniera di”, e qui potrei trascrivere un elenco interminabile di band “fotocopia”.
Intendiamoci bene, questo album non è affatto male ma purtroppo paga la scarsa originalità e si và ad inserire in un ambito mainstream in cui i grandi gruppi hanno le fette grandi di scena e di riscontro del pubblico e lasciano le poche briciole alle piccole band che come cani affamati si azzannano per un minimo di considerazione da parte della scena.

I Nitrojuice suonano il classico emo-core fatto di una buona sezione ritmica e discrete melodie vocali. Inutile citare i classici Get Up Kids o Ataris che da un primo ascolto sembrano veramente il background sul quale si è formata la band leccese. Inoltre le chitarre hanno un vago sentore di scuola metal con buoni riff che per certi versi ricordano i Thrice.

Nel complesso una buona produzione ma che per quanto riguarda personalità e originalità si dimostra ahimè scarsa. Ora sta alla band decidere se continuare a scimmiottare l’American way of Emo-core o tirare le fuori il talento (che sembrano avere) e soprattutto le palle per dire la loro in questo campo. A voi decidere Nitrojuice!
Voto 6 ½ (Buono però…)

Tracklist
1. Bodyfixer2. Hanging on a while3. 20 seconds alone and domino’s theory4. Once I tried5. Good smood syringe6. Back to old rythms7. Soda


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >