OZMA: Rock And Roll Part Three

OZMA: Rock And Roll Part Three
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
OZMA: Rock And Roll Part Three

Per prima cosa, un gruppo che chiama una canzone Nathalie Portman merita il massimo rispetto. Se non sapete chi sia Nathalie Portman, andate in qualche sito a cercarvi una sua foto, perché:1) Vi siete persi la ragazza più carina del mondo.2) Capirete il perché tutti i gruppi rock e non dovrebbero dedicarle una canzone.3) Recita sempre in film di discreta qualità e lo fa molto bene.Detto questo, parliamo degli Ozma: sono la classica college band, di quelle che animano le feste del liceo dei film americani dove un ragazzino carino che ha poca fiducia in se stesso ritrova tra un ballo e l’altro la fiducia in se stesso, e riesce a rubare la ragazza gnocca ma sensibile al fustacchione di turno, oltretutto evitando di prendersi una mano di botte dagli amici mezzi gangster del suddetto fusto.L’immaginario della band è molto teenage, lo si deduce dalla spensieratezza delle melodie, dai visini puliti dei componenti del gruppo e da titoli come Domino Effect, Baseball, The Ups And Downs e la sopracitata Nathalie Portman. Un dischetto piacevole e allegro, che ricorda altre college band come Weezer, Nada Surf (entrambi ringraziati nel booklet) e anche un po’ gli Ash. In particolare, la somiglianza con i primi si fa a tratti quasi imbarazzante, soprattutto nel cantato, che ricorda molto quello di Rivers Cuomo. Ecco, forse gli Ozma peccano un po’ in personalità, anche se qualche tratto distintivo ce l’hanno, ad esempio l’uso di tastierine che fanno piru-piru qua e là, dalle quali in un futuro possibile potrebbero tirare fuori qualcosa di interessante. Per il momento, accontentiamoci di questo Rock And Roll Part Three, che se non altro ha il pregio di farci venire il sorriso sulle labbra pensando alle feste di fine anno scolastico. E a Nathalie Portman…


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: