OZMA: Spending Time on the borderline

OZMA: Spending Time on the borderline
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
OZMA: Spending Time on the borderline

La critica internazionale ha sempre osannato questi Ozma, giovane band della sempre più nutrita scuderia Kung Fu Records, ma a me sinceramente proprio non riescono a convincere. Questo “Spending time on the borderline” segue “Rock n roll part three” che la critica aveva definito come uno dei migliori album power-pop degli ultimi tempi.

Solitamente io nutro grande simpatia verso il sound di casa Kung Fu Records ma questi Ozma non mi riescono proprio a prendere e coinvolgere con il loro ritmo. Cercano di mescolare musica pop con tastiere e influenze elettroniche ma senza scrollarsi mai di dosso quella vena eccessivamente melodica chè fa scorrere come su di una linea piatta tutta la durata dell’album.

Il loro è un power-pop che nasce da influenze passate e risentono dell’influenza di band come Red Kross ma che purtroppo però non riescono a reinterpretare in modo personale ma alla quale cercano di avvicinarsi in modo troppo semplicistico.

Anche questa prova non mi è riuscita a convincere e sebbene mi sia sforzato nell’album non sono riuscito a trovare nemmeno il classico hit-single.
Voto : 5 + (Ridondante)
Tracklist
1. Spending Time2. Your name3. Come home Andrea4. Bad dogs5. Utsukushi Shibuya6. Turtleneck coverup7. Game over8. Curve in the old9. Restart10. Eponine11. Wake up12. Light years will burn


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: