PENNYWISE: Land of free?

PENNYWISE: Land of free?
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
PENNYWISE: Land of free?

Lo hanno presentato dal vivo al recente Deconstruction tour… “Land of Free?” è il nuovissimo album (il settimo per l’esattezza…) che ci propongono Fletcher e soci, come sempre, fedeli all’Epitaph.Il suono rimane sempre lo stesso, legato alle linee di Hardore melodico che caratterizzano lo stile dei Pennywise, con la stessa potenza dei tempi di “Same old story”, pur avendo ormai consacrato la loro matura capacità compositiva.
La particolarità di quest’ album (a mio parere di molta importanza!) sono i testi trattati nelle quattordici canzoni, infatti i Pennywise, escono allo scoperto regalandoci un album piuttosto politicizzato, facendoci conoscere il loro punto di vista su diversi ed importanti temi d’attualità… ci parlano del WTO, del neo-eletto presidente degli Stati Uniti Bush, di vari problemi sociali. Canzoni come “Enemy” e “Fuck Autority” ci lasciano già presagire i loro contenuti… La track list è così composta: Time Marches, Land of free, The World, F**K Authority, Something wrong with me, Enemy, My God, Twist of fate, Who’s Your Side, It’s up to you, Set me Free, Divine Intervention, W.T.O. Fight song, Anyone listening.
In conclusione, l’ intenzione del gruppo è di usare le proprie canzoni per smuovere la totale indifferenza americana verso i diversi problemi di oggi, dal punto di vista sonoro invece, non è particolarmente innovativo, non hanno inserito quel nonsochè che potrebbe particolarizzare l’album … ma alla fine… ne hanno bisogno i Pennywise?
Dal Quattro di questo mese lo trovate nei negozi…


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: