PROTEUS 911: Sinfonie dal mondo delle cose perse

PROTEUS 911: Sinfonie dal mondo delle cose perse
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
PROTEUS 911: Sinfonie dal mondo delle cose perse

Breve precisazione: i Proteus 911 sono uno di quei gruppi dei quali leggete su Punkadeka che non hanno nulla a che veder con il punk, questo perchè recensiamo tutti i cd che ci arrivano e perchè è giusto proporvi anche stili e interpretazioni della musica diverse dal punk, sta a voi poi scegliere quali cd comprare! Ma veniamo al disco in questione, i Proteus 911 vengono dalla Basilicata e debuttano con questo lp di cinque tracce dopo aver pubblicato nel ’99 il demo autoprodotto “Ansia”. Questo trio ha scelto di seguire totalmente il proprio istinto musicale che li ha portati a comporre brani strumentali di concezione sinfonica che sanno di fantasiosa spontaneità. Armonici, suoni calmi, dolci e sussurrii delineano sperimentali melodie che si infrangono contro passaggi dissonanti di chitarre distorte, effettate e lontane (Male Di Me… e Così Vicino, Così lontano… ne sono un esatto esempio). In tutti i pezzi chitarra, basso e batteria sono ovviamente ben presenti, visto l’approccio minimalista dei Proteus 911, e sanno ritagliarsi i giusti spazi con equilibrio e buon gusto. Un disco fatto per chi ascolta la musica con attenzione, cercando calma ed emozioni interiori insomma… da sentire. I brani: Iside – Male Di Me… – Così Vicino, Così Lontano… – Il Cristallo Dell’Ultima Stabilità – Il vaso Di Pandora.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: