PUNX CREW: 1977/2003

PUNX CREW: 1977/2003
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
PUNX CREW: 1977/2003

Cazzo, cazzo cazzo… l’incipit è rubato a “Porci con le Ali” (a proposito, leggetevelo!) ma ben si presta a descrivere la sensazione provata al primoascolto di questo primo disco della “Punx Crew”, ovvero un insieme eterogeneo e quasi completo dei più famosi gruppi di area punk-hc-ska inItalia. Il precedente, nella compilation “Ieri, Oggi e Domani”, di “LGZ” era già stato un buon inizio, ma qui Olly Shandon e Andrea Madbones -queste le”menti” dietro al progetto- hanno alzato ancora il tiro, ne hanno tirato fuori una manciata di buone canzoni e, soprattutto, hanno supervisionato icirca 50 protagonisti di “1977/2003”. Quello che è venuto fuori è di alta qualità: sfido chiunque ad ascoltare per un paio di volte “Traditore” senzapoi provare l’impulso di cantarla a squarciagola, e scommetto che la “Canzone degli Artisti” scritta assieme al padrino Freak Antoni vi piaceràfin da subito… così come non potrete non riflettere un attimo su quanto cantato da Zazzo -dice niente il nome NEGAZIONE?- nella title track, invettiva schietta e sincera contro un certo modo di intendere il “punk”.Insomma non avrei mai pensato che un progetto nato per gioco potesse portare a risultati simili; così come non potevo immaginare il padre di Olly, Doriano, un giorno suonare in un pezzo irish punk con il violinista degli Afterhours. Tutto questo è in “1977/2003”, e anche se sicuramente ci saràchi non perderà l’occasione per criticare l’operazione il mio consiglio è quello di fare vostro questo cd, potreste rimanerne stupiti.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: