RICHOCHETS: Slo-mo Suicide

RICHOCHETS: Slo-mo Suicide
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
RICHOCHETS: Slo-mo Suicide

La Scandinavia é un pianeta a parte, musicalmente parlando, che ci sta riservando in questi ultimi anni sorprese a ripetizione. Chiaro che stiamo parlando di tutto ciò che ruota intorno al rock, quindi musicisti, bands, etichette….La Svezia ed il suo boom garage-punk é solo la punta di un iceberg (é proprio il caso di dirlo, visto le connotazioni geografiche delle terre di cui stiamo parlando): quando meno te lo aspetti scopri qualche nuovo gruppo, ed eseguono tutti rock turgido, veemente, con le radici ben piantate nella storia del rock e del punk più offensivi e antagonisti !E’ anche il caso di questi Ricochets, che ho letteralmente scoperto grazie a Gabriele di Audioglobe: norvegesi, detentori di un rock&roll fiero, potente, striato di garage !Esistono dal 1998 , vivono ad Oslo e sono tutti sulla trentina, come mi scrive Alexander Kloster-Jensen, il loro chitarrista che ho contattato per saperne di più!Slo-Mo Suicide, inciso per la Progress risale al 2000 ma solo da poco é giunto nelle nostre mani: nel frattempo The Ricochets si sono sciolti e riuniti.I Won’t Change Your Mind é inizio ed inno fulminante con il front-man Trond Andreassen dotato di notevole carisma interpretativo che ci riporta indietro con nostra somma goduria all’epoca delle epocali incompromissorie dichiarazioni dell’Eric Burdon with The Animals: It’s My Life, I’m going to Change The world….Ma i referenti dei Ricochets sono molti e ce ne accorgiamo in Devil Inside, Fall Down Dead, Rebel Woman, Desert All Around, Worried, tutti brani intrisi di classica, offensiva virulenza rock: gli svedesi Nomads prima di tutto, ma anche gli Stranglers di Hugh Cornwell e Dave Greenfield, in virtu’ dell’ uso suggestivo delle tastiere di Hansen (ora non piu’ con il gruppo), gli sconosciuti outsiders Primevals!Ricochets sanno nondimeno filtrare saggiamente le loro numerose influenze e forgiare un rock& roll moderno, caratterizzato dall’uso dei fiati, vario nei ritmi e nei registri espressivi, attraversato da una impagabile malinconica vena blues (Slo-Mo Suicide) e flash di nordica solitudine urbana (Our Love Goodbye).Scrive Arvid Skancke-Knutsen (editor of www.ballade.no) : …benvenuti nel nuovo beat del rock boemo di cinque ragazzi scandinavi che trasformano la primaverile acqua norvegese in una letale tequila, e accendono un equilibrio quasi perfetto tra tradizione ed innovazione, conoscenza ed energia. In un mondo di “slo-mo suicide” rifiutano di soccombergli ! “Ricochets, in estate il loro nuovo e.p, ed il prossimo anno un nuovo album: li attendiamo fiduciosamente! Tracklist:
1. I Won’t Change Your Mind 2. Devil Inside3. When The Shit Hits The Fan4. Fall down Dead5. Slo-Mo Suicide6. Far From Home7. You’re Gonna Get It Up The Ass8. Soon Eaten Up By Worms9. Far Far From Home10. Desert All Around11. Rebel Woman12. Worried13. Our Love Goodbye


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: