SCREECHING WEASEL: Baby Fat: Act 1

SCREECHING WEASEL: Baby Fat: Act 1
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
SCREECHING WEASEL: Baby Fat: Act 1

Tornano gli Screeching Weasel, o almeno quello che ne resta dopo i noti fatti di Austin del marzo del 2011.
“Baby Fat: Act 1” è una punk-rock opera a tutti gli effetti: ha il suo personaggio principale e tutto gira intorno ad esso. L’album si forma di ben 27 pezzi (divisi in tre atti) e può avere una duplice lettura: da una parte possiamo considerare questo tentativo di Ben Weasel un po azzardato (parliamoci chiaro, gli Screeching Weasel non sono proprio lo stereotipo di band da lavori di questo genere), dall’altra molti di voi potranno obbiettare dicendo che invece la scelta è quella giusta e che una volta tanto la formula cambia. Io una mia opinione me la sono fatta: amo troppo gli SW per condannare in toto una loro scelta, ma avrei preferito alla grande un disco “normale”.
Prima di passare ai contenuti elenco alcuni dei guests presenti in “Baby Fat: Act 1”: Blag Dahlia dei Dwarves (protagonista dell’intera storia), Kat Spazzy delle Spazzys, Roger Lima dei Less Than Jake, Paul Collins, Todd Congelliere dei Toys That Kill e della Recess Records (etichetta per cui è uscito l’album), Andrea e Mass dei Manges ecc ecc si alternano alla voce e ai cori e partecipano alla storia che contrappone Baby Fat, a.k.a. Blag Dahlia, a Swank ovvero Ben Weasel.
Non mancano pezzi in puro Screeching Weasel-style: penso a All Winter Long, Kewpie Doll, una delle tracce migliori, Creeping in Silence, Poveretta e la mia preferita Without Belief su tutte. Purtroppo però non mancano neanche gli obbrobri: Disharmony 1 è uno dei pezzi strumentali più inutili che abbia mai sentito (decisamente meglio la ballata Disharmony 2). Da rivedere anche le varie intro alle “scene”, la tipologia “Spaghetti Western” non fa certo per gli SW. Degne di nota So Long Mojo, in stile Toy Dolls, God Damn You, in stile Dwarves, e tutti i pezzi con protagonista Kat Spazzy, tocco femminile più che azzeccato.
Il consiglio che do è quello di non basarsi sulle apparenze e ascoltare questo album.
Science of Myth, Hey Suburbia, Supermarket Fantasy, Cool Kids, What We Hate e compagnia bella sono universi paralleli, ma, fidatevi di me, “Baby Fat: Act 1” ha i suoi perché… Nell’attesa del secondo atto…

Tracklist:

Scena 1

Il Tremendo Fantasma (Baby Fat Overture)
Attention!
So Long Mojo
Tower Of Talent
All Winter Long
I’ve Got VD
Kewpie Doll
The Entourage
Baby Fat’s Got a Girlfriend
God Damn You

Scena 2

Satan Leapt
Things Aren’t So Bad After All
Living Hell
Thine Eyes Of Mercy
Creeping In Silence
Here To Stay
Cursed
In The Pale Light Of The Midnight Sun
Disharmony 1

Scena 3

I’m a Lonesome Wolf
Just For Now
Poveretta
We Never Knew
Without Belief
Sleeping Beauty
Disharmony 2
Bound To Fall


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: