Punkadeka.it

SHANDON: SixtyNine

SHANDON: SixtyNine
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

SHANDON: SixtyNine

Con un intro in chiaro stile dark-gothic si apre “Sixtynine” , quinto capitolo della ormai decennale storia degli Shandon. In questi anni la band è sicuramente maturata moltissimo e si è lasciata alle spalle incertezze e un modo di approcciarsi alla musica un pò ingenuo e semplicistico (sono lontanissimi i tempi di “Questo si chiama Ska” di Skamobile). Non per questo non bisogna riconoscere i meriti ad album come“Nice Try” che tuttora rimane uno dei migliori prodotti della musica punk/ska italiana.

Tanti motivi penso abbiano portato a questo cambiamento nel loro sound. Innanzitutto c’è da ricordare che sotto il nome Shandon si sono evolute tante band diverse e quindi ogni ingresso e ogni dipartita all’interno della band ha portato e tolto qualcosa. Suonare in giro per l’Italia e per l’Europa, dove sono molto apprezzati (quasi di più che nella madre-patria… “Nemo profeta in patria est” d’altronde), dividere il palco con band provenienti da background differenti ha portato agli Shandon una bagaglio di esperienza incredibile che loro tirano fuori ogni qualvolta imbracciano gli strumenti.

La mia stima per gli Shandon è immensa per vari motivi (non sto qui ad elencarli tutti) ma principalmente perchè sono una band genuina e sincera. Vedo troppe band in giro che sebbene siano stufe di fare un determinato genere musicale continuano a perseverare nel propinarci “indegni album” solo perchè poi i ragazzini li vanno a comprare. Sarebbe stato facilissimo per loro continuare a sfornare pezzi “in levare” per tutta la loro carriera (in fondo il talento ce l’hanno), …invece no, hanno voluto seguire la propria ispirazione e cambiare quasi radicalmente (come d’altronde avevano fatto in precedenza anche i Persiana Jones) per non diventare la classica band di “plastica” e per continuare a divertirsi e a mantenere saldo quel rapporto di sincerità e fiducia che li lega al loro folto numero di fan.

Dopo queste promesse che mi sembravano d’obbligo parliamo della loro ultima fatica. Se prima la componente ska era predominante, in questo album sicuramente è il rock a farla da padrone. In “Sixtynine” gli Shandon fondono ad una solida base rock (e molte volte anche dark), la grinta ed energia tipica della musica punk e la genialità ed eclettismo, peculiarità senza dubbio dello ska-core. Condensano in questo album tutta la loro carriera, abbiamo canzoni ballabili e coinvolgenti come “It was a promise” e “Startin’line”, c’è la furia hardcore in “Drunk” (era dai tempi di Nice Try che non rispolveravano questo genere), il rock in “Wrongway”, il classico hit-single in italiano in “Viola”, una cover di un pezzo rock dei Faith No More (“From out of nowhere”) reinterpretato a modo loro come era già successo in “Fetish” con la cover dei Metallica di “Seek and Destroy”…insomma come direbbe “mamma-Rai”: in questo album c’è veramente di tutto e di più!!
Una particolare menzione però permettemi di fare per “Hunter” che per me è il migliore pezzo dell’album ed uno tra i migliori della carriera degli Shandon. Grinta, energia, potenti riff di chitarra e una melodia che con la voce acre e “violenta” di Olly si fonde in maniera unica, un pezzo che da solo vale veramente il prezzo dell’album (tra l’altro imposto grazie alla coerente politica dei prezzi dell’Ammonia Records che vuole spingere i ragazzi ad avvicinarsi alla buona musica, solo 11,10 € la versione Standard!!). In più come chicca finale troverete Olly che si cimenta in una strappa lacrima canzone pianoforte e voce; come De Chirico diceva: la vera arte la si raggiunge quando si accostano oggetti provenienti da mondi differenti…non c’è che dire questo è proprio il caso!!

Voto : 8 ½ ( Rock+Pop+Ska+Punk = Shandon…un’equazione semplicissima che dà sempre i migliori risultati)

Tracklist01.F.d.P.; 02.Wrong way; 03.It was a promise; 04.Viola; 05.Like I want; 06. Deep; 07.Heaven in hell; 08.Drunk; 09.Startin’line; 10.Hunter; 11.From out of nowhere; 12.Time; 13.The Choice


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >