SHUTDOWN

SHUTDOWN
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Foto by DekaIntervista realizzata dopo la loro esibizione al concerto tenutosi al Rainbow di Milano dell Unity Tour 2000…

“Raccontami qualcosa del vostro ultimo lavoro “Few and Far Between”?”

“Il nostro cd è uscito il 12 settembre di quest’anno ed è prodotto da Roger Miret, degli Agnostic Front. E’ il nostro migliore cd ..siamo veramente soddisfatti di tutto il lavoro fatto ..insomma abbiamo lavorato un sacco per creare un buon suono e della bella musica! C’è voluto un po’ per preparare tutto..ed eravamo veramente esaltati all’idea di venire qui in Europa in tour.”

L’idea di creare questo cd è nata un po’ di tempo fa …siamo rimasti in studio a registrare per un mese…da maggio ai primi di giugno…è stato un lavoro lungo, ma mi sono divertito ….

 

. Perché avete scelto questo titolo per il vostro cd? (Few and far beetween = Raro)

Abbiamo scelto “Few and Far Between” perché nell’ hardcore ci sono un sacco di stereotipi e noi non vogliamo essere paragonati a nessuno! Vogliamo avere un nostro stile..un nostro hardcore..abbiamo lavorato un sacco e non intendiamo essere chiusi in un’unica categoria!

 

. Come vi siete trovati con Roger Miret?

E’ un grande amico e per me rappresenta quasi un fratello maggiore. Lui ti fa capire veramente quali suoni possono piacere e quali no…Quando usciamo dallo studio siamo sempre certi di aver dato vita a qualcosa di veramente speciale, che tutti apprezzeranno! Nello studio proviamo vari pezzi, poi li uniamo per creare un grande cd! Grazie a lui abbiamo conosciuto gli Agnostic Front, i Sick of it all….e ha fatto conoscere al mondo i Shutdown…in questo senso ci ha aiutato molto!

 

. Cosa ne pensate degli Agnostic Front e della loro musica?

Siamo veramente felici di suonare con gli Agnostic Front! E’ tutto fantastico: questo è il nostro primo tour in Europa e ogni sera incontriamo centinaia di ragazzi che vengono per ascoltarci..è un sogno che diventa realtà! Stiamo suonando con le nostre bands preferite in giro per il mondo..è qualcosa che difficilmente dimenticheremo! Suoniamo per gente che magari non sa nulla degli Shutdown..è un modo per farsi conoscere!

 

. Quale messaggio volete esprimere attraverso la vostra musica?

Amiamo ciò che facciamo e siamo molto fortunati ad essere in un tour per il mondo già a quest’età..siamo molto giovani! Nei nostri pezzi parliamo di ciò che ci piace e di quello che ci fa veramente divertire…il nostro messaggio non può non essere quello di far casino..divertirsi ogni volta che capitate ad un nostro concerto..e di non giudicarci solo come dei ragazzini ..bisogna cercare di andare oltre….

 

. Cos’è cambiato in questi 5 anni?

Molte cose! La nostra musica è più dura e aggressiva che in passato! Siamo sempre un gruppo hardcore..con elementi dello New York  hardcore stile degli Agnostic Front…ma più duri!

 

. Quali gruppi hanno influenzato la vostra musica?

Sicuramente Agnostic Front, Ignite, Melbourne, Avail, NOFX, e Snapcase.

 

. New York è una miscela di culture e generi musicali diversi. Pensi che sia un buon posto in cui suonare musica punk’ ?

New York è il miglior posto dopo la Clifornia in cui suonare…anzi è il miglior posto al mondo!

E’ innanzitutto un a grande città..un mix di etnie e c’è una vastissima cultura …

Qui ci trovi differenti etnie e numerosissimi immigrati..anch’io sono figlio di immigrati italiani e irlandesi! Parlo poco l’italiano e conosco il dialetto siciliano…mia nonna ha origini siciliane e ogni tanto mi dice “Beddu, Beddu!!”..ma il dialetto è diverso dalla lingua italiana!

Comunque se suoni in New York la tua popolarità cresce enormemente…e questo è fantastico!

 

. Secondo te ci sono differenze fra suonare in Europa e in Usa?

Il tour in Europa dura 2 settimane ..qui la gente apprezza maggiormente la musica punk..rispetto agli USA…è come se ogni ragazzo nella folla fosse un mio amico..io mi diverto con loro e si fa casino..è bello sentire che ciò che suoni è capito e apprezzato…

 

. Quali sono state le date migliori del tour?

Sicuramente questa e quella di Londra…e anche Parigi!

 

. E cosa ne pensi di internet e dei webmagazine?

 

Non ho nulla contro i webmagzine, è un buon metodo d’informazione   …ma di internet non mi piacciono le chat! Dovrebbero chiudere perché le persone finiscono col rinchiudersi nel computer..io preferisco parlare guardando in faccia chi mi sta di fronte..non leggendo!

Comunque noi abbiamo un sito: www.shutdown.com  

Foto by DEka


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: