STINKING POLECATS

STINKING POLECATS
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Arrivano da Piacenza e sono considerati una delle Pop-Punk-Rock bands più influenti dell’attuale scena Italiana… scopriamo qualcosa in più di loro… Gli Stinking Polecats…

E’da poco uscito il vostro ultimolavoro… come maila decisione di  fare uno split con gliamericani Fairlanes? … è stata un idea dellaWinona records?

 Sìè stata un’idea della Wynona che con lo splitRetarded/Apers ha inaugurato la serie degli splitItalia/Resto del mondo. Mentre stavamo registrandole nostre ultime cose ci è arrivata la proposta.Abbiamo pensato di utilizzare i pezzidell’ultima registrazione che risalgono a unannetto e mezzo fa e che non sono mai stati usatiper i progetti che avevamo in mente (escluso losplit picture 7” con i Retarded). Abbiamoaccettato e siamo contenti. Il tutto è statomasterizzato in america dai Fairlanes e ilrisultato ci sembra buono.

 Ivostri 7" appena escono vanno letteralmente aruba, come lo potete spiegare?

Bohnon sappiamo se sia effettivamente così. Sappiamoche lo split picture con i Retarded è andatobene. In effetti tutti i nostri singoli sonoesauriti ma la riteniamo una cosa normale. Siparla sempre di quantitativi piuttosto bassi.Mille copie se distribuite decentemente vanno viasubito. Il bootleg live in inghilterra è ilrisultato del passaggio della registrazione di unavideocamera al Nice ‘n’ Sleazy’s di Glasgowdurante il nostro tour in inghilterra del 2000insieme ai Manges su vinile. Sono 10 pezzi suonativeloci e male J… Però cazzo è un bootleg! Come cazzo fai afare un bootleg ai Polecats?!?! Ci fa sentiremolto Kiss, AC/DC e cose del genere. 

 

Aveterecentemente suonato al Leonkavallo per iltributo a Joey Ramone, cos’ hanno rappresentato iRamones per voi?

Beh, i Ramones hanno insegnato a tutti che il punkrock sisuona a gambe larghe senza troppi fronzoli. Hannofatto vedere che per 20 anni si può suonare r’n’rolle che si può uscire dal tunnel degli anni 80 atesta alta. E poi sono i Ramones cazzo… nessunosuona come loro e tutti sono rimasti influenzatida quello che hanno fatto. Da qualsiasi parte siarrivi (metal, punk, pop, elettronica…) comunqueli si ringrazia sempre… E poi quando si parla divestire con stile hanno sempre fatto grandescuola.

 

Quali altre influenze avete?

Tutto il r’nroll anni 50, i Ramones, i Beach Boys, iSonics, i Descendents/All, i Rip Offs, i Social D.,i Weezer, MTX, Queers e un milione di altrigruppi.
Le influenze arrivano dappertutto visto che tuttiascoltiamo bene o male cose un po’ diverse. Finoad ora il tutto è stato sempre un po’appiattito nelle sonorità. Le ultime canzoni peròche con i ritmi che abbiamo usciranno nel 2040sentono un po’ dei gusti personali e sidiscostano un attimo dalle solite cose, sono unpo’ + articolate, più personali (è semprepunkrock… questo sia chiaro).

 

Quali sono le bands Italiane cheapprezzate di più?

Sicuramente Manges, Peawees eRetarded perché hanno alzato il livello delpunkrock italiano. Stanno facendo capire un po’in giro che Italia non vuole dire solo HC anni 80,indigesti e negazione, ma anche buon punkrock.Ovviamente siamo troppo provinciali per fareevolvere le cose in meglio però loro si stannodando veramente da fare. Poi ci buttiamo dentro iDerozer perché sono bravissime persone –oltreche un ottimo gruppo- che conosciamo da una vita e poi anche i Kim’s teddy bears, iPopsters, i Semprefreski e via…

Qual’è stato il concerto cheavete visto che vi è rimasto impresso e perchè?

Simone: Boh ne ho talmente tantiin testa…. Forse quello che mi ricordo meglio èstato Scared of Chaka insieme a impossibili ederozer all’eterotopia un sacco di anni fa.Impossibili e Derozer avevano suonato in tutto perun paio d’ore e la  gente era tutta lì per loro. Una volta finito eravamorimasti in 20 dentro la sala. Salgono ‘sti 3americani attaccano gli strumenti e davanti a 20persone hanno scatenato l’inferno. Avevano unafuria e una energia tale che ho fatto i primi 10minuti a bocca aperta. Mi sono innamorato del lorosuono e del loro modo di suonare e da quel momentoho deciso che sarebbero stati uno dei miei gruppipreferiti –mica mi faccio tatuare il loro logoper niente…-. Ed è stato carino quando 3 annidopo il batterista degli SOC vedendoci suonaredalle nostre parti –visto che era lì anche luiper suonare insieme al suo secondo gruppo (i Drags)-è venuto da me a farmi i complimenti, tuttoentusiasta…

Miccetta: io mi sono quasicommosso a vedere i Comets nel 2000… cazzo,gente dell’età di mio nonno, gente che il rockand roll l’ha inventato… da lacrime!

..vi ricordate anche il primoconcerto che avete visto?

 Simone: No, però miricordo l’ultimo.

Miccetta: no, e non mi ricordonemmeno l’ultimo a dire la verità.

..e il primo cd comprato?

 Simone: Naaaa mitoccherebbe dirti una becerata tipo Jovanotti ecose del genere e non mi va. J

Miccetta: non era un cd, bensìuna musicassetta. Trattatasi di qualche cosa degliIron Maiden… ah cazzo mi sfugge il titolo…comunque quela con “haven can wait”, “wastedyears”, “stranger in a strange land”…quella con eddie vestito da mezzo cowboy in città…summer e qualche cosa… boh amen. Comunquequella.  

Consigli per gli acquisti…Uncd che consigliate di comprare?

 Simone: Un disco che dovetecomprare – scegliete voi il formato, non importa– è sicuramente “Modern world” deiTravoltas. Andate sul sicuro, è l’albummigliore di questi olandesi anche se è un discoun po’ vecchiotto. Prodotto da Marky Ramone haveramente un impatto e una qualità elevatissima.E’ energia e melodia allo stato puro. I BeachBoys che suonano punkrock.

Miccetta: io propongo al momentoRay Campi, uno che è tornato anche lui dai beitempi… ha fatto un nuovo disco per Dionysus chesi chiama “Rockabilly Ladies” ed èeccezionale.

 

Avete suonato sia in Italia cheall’estero, qual’ è stato il concerto più belloe perchè?

Mah, forse tantissimo tempo fa,dalle nostre parti, quasi all’inizio, si parladi un 3 anni e mezzo fa, quando ho capito cheforse iniziavamo a piacere a qualcuno. La primavolta che abbiamo riempito il locale con la genteche si divertiva e ballava. E’ stato bello,divertente. Uno di quei concerti che vanno liscidall’inizio alla fine anche se mi ricordo che laprima canzone l’abbiamo dovuta rifare un paio divolte perché pensavamo che Luca sbagliasse tuttigli accordi. Ero io invece.

..e il più brutto?

Forse alla festa per il 100°concerto. Era tutto perfetto tranne noi… Eravamostanchi, scoglionati e con un milione di problemie non abbiamo suonato benissimo.

Tutti i vostri testi sonocantati in Inglese, anche il sito è esclusivamente in Inglese…come mai questa scelta?

Simone: L’inglese è piùmusicale dai. Non ce la fai a fare buon punkrockcantato in italiano. In pochi ce la fanno e conrisultati non eccezionali. E’ la stessa cosa delr’n’roll. Il r’n’roll cantato in italianoè sempre più becero di quello cantato ininglese. Eppoi siamo nel 2001… la new-economy ecose del genere tutti dovrebbero saperel’inglese no? Eppoi il sito già ci metto unavita ad aggiornarlo, se dovessi aggiornarlo inmulti lingua mi sparo… J

Miccetta: una scelta di campo piùche altro.

Come mai la scelta di cambiarecantante nelle diverse canzoni?

Simone:Boh, è venuta a caso. Luca e Christian hanno duebelle voci e capita a volte di cambiare cantante.Poi abbiamo la fortuna, sfiga che siamo in 3 ascrivere le canzoni e i cambi di cantante sonoquasi naturali. Ne canto anche io un paio.Comunque il “lead singer” rimane Christian.Non importa quante canzoni canti in un disco, èlui quello che deve stare in mezzo al palco. Ineffetti è strana come cosa… non si dà unimpronta precisa al gruppo. Per dire… non gli sidà quel sound inconfodibile che dici “ah questisono i polecats” ma ci va benissimo così…Guarda i Riverdales ad esempio, facciamoesattamente come loro e loro sono una delle megliopunkrock band degli anni 90…

Miccetta:io voglio cantare perché il mio ego me lo impone,e poi siccome cerco di non scrivere solamenteputtanate nei testi, ma cose che bene o male mitoccano, allora mi piace anche cantarle… lo soche ti può sembrare un discorso da finocchio…eh eh.

Comevi comportate per la "stesura dei testi".. li scrivete tutti insieme o…

 I testi vanno a cazzo…parlano di donne, di giocare a flipper, ditatuaggi, di birre, di quanto è dura andareavanti e di quanto siamo perdenti. Non c’èbisogno di scriverli tutti assieme.

Chi sono Claire e Lucy B.?

 Ragazze… vive e vegete…

"You’ re a loser" èriferita a qualcuno in particolare?

Ragazza…viva e vegeta…

 

Le canzoni dello split sonopiuttosto datate.. avete scritto qualcos’altro nelfrattempo?

 Abbiamo scritto unfull-length che uscirà a settembre con un 14/15pezzi e poi abbiamo scritto le 4-5 canzoni dainfilare in un 4Way split LP insieme a Retarded (voghera,Italia) Vapids (Burlington Ontario, Canada) e Kung Fu Monkeys (New Tork,USA) che registreremo quest’estate. Anche questodisco uscirà in autunno

Progetti futuri?

 Continuare a fare quelloche facciamo sperando di avere più tempo persuonare in giro fare tour e cose di questo genere.Siamo in forma in questo periodo e penso che ve neaccorgerete con l’LP.

Ultima domanda… chi eperchè ha/avete scelto il nome di puzzolepuzzolenti?

 Così a cazzo un giornoSimone e Christian. Ci piacevano gli ScreechingWeasel e volevamo suonare esattamente come loro.E, come si sa, per iniziare a farlo occorre un belnome. Non ci siamo mai riusciti a suonare comeloro…


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: