STRAIGHTFACED: Pulling teeth

STRAIGHTFACED: Pulling teeth
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
STRAIGHTFACED: Pulling teeth

Non c’è che dire, gli Straightfaced sono davvero uno di quei gruppi che colpiscono. Il quartetto americano suona infatti una musica che possiamo porre a metà strada tra l’hardcore e il crossover con decisione e un sound non comuni. Subito risaltano i riff di chitarra che faranno sorridere soprattutto i chitarristi per la cruda efficacia che dà una potenza al suono non trascurabile. In effetti tutti i suoni del gruppo sono corposi e ricchi di bassi sui quali spiccano i piatti della batteria e i cantati. Questi ultimi sono molto taglienti, la voce di Johnny Miller è acuta, ruvida, cattiva, spesso effettata con filtri, a tratti esplode in gutturali, in urlati e poi accenna passaggi più cantati come in Liar, My Contempt e Wrung Up. Naturalmente c’è ampio spazio nella musica dei Straightfaced per repentini cambi di tempo in quasi tutti i brani, i più notevoli li troviamo in Impression e nelle spintissime Disappointed e Salvation. Va inoltre citato l’inizio del disco con Happy: fade-in di batteria, riff pesante stoppato di chitarra in crescendo e djeridoo, potete immaginare tutto ma lo dovete assolutamente sentire… I titoli: Happy – Impression – Kill The Messenger – Liar – Just Like You – Disappointed – My Contempt – Salvation – Fuck Your Scene – In Doubt – Wrung Up.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: