SUCCO MARCIO

SUCCO MARCIO
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Sono attivi da otto anni (come passa in fretta il tempo!), dopo il successo di "Succo Cocktail tropicale all’Arancia" stanno tornando più attivi che mai con un nuovo album in uscita… andiamo a trovare i Succo Marcio.

Stiamo aspettando l’uscita del vostro nuovo cd… presentacelo in anteprima… cosa ci dobbiamo aspettare?

 
Silvio: Ci sono grosse sorprese che non vogliamo svelare proprio per non rovinare l’impatto finale che avrà questo nuovo album. Possiamo solo dire che il numero di canzoni incluse sarà compreso tra 4 e 37. Una cosa divertente è il concorso per finire con la propria morosa/o sulla copertina del cd: dai un bacio alla tua ragazza / al tuo ragazzo, immortala il momento con una fotografia e spediscicela!
 
Campoli: Beh, un bello schiaffo morale al cuore, non c’e che dire…anzi, all’interno del cd c’e anche un coupon da compilare PRIMA DI ASCOLTARE IL CD: serve per prenotare un posto in corsia d’ospedale al reparto cardiologia dell’ospedale piu’ vicino a casa, il primario del policlinico di Milano, dopo aver ascoltato un’anteprima del nostro cd ce lo ha consigliato…
 
Mario: Ok, detto fatto. Si intitolerà "Non sto bene" e in copertina ci sarà una mia foto di quando in questi giorni, all’età di 21 anni, mi sono preso il morbillo. La cosa più curiosa è il "punto interrogativo" che… STOP.
 
Alessio: Conterrà anche una parte rom dove ci masturbiamo in diretta.
 
 
 
 
Cos’è cambiato, musicalmente parlando, da "Succo Cocktail Tropicale all’Arancia!"?
 
Silvio: sicuramente la pacca che hanno pezzi. In tre anni di tempo abbiamo avuto modo di provarli e riprovarli, correggendo le sbavature ritmiche e perfezionando l’intreccio musicale degli strumenti. Il risultato è secondo me davvero molto buono perchè dentro questo album ci sono tante idee originali ben suonate. Gli arrangiamenti sono stati più curati e costruiti su fantasiose stravaganze che rendono più personale la sua sonorità rispetto a "Succo Cocktail Tropicale all’Arancia!". I Succo Marcio si stanno ancor più italianizzando e questo cd ne sarà una testimonianza.

 
Campoli: si puo’ certamente dire che abbiamo migliorato il rapporto tra noi stessi e i nostri strumenti… abbiamo piu’ confidenza e iniziamo a darci del tu con le nostre chitarre! ..nonstante tutto il suono è rimasto fresco, anche se i problemi affrontati nelle nostre canzoni forse vengono analizzati in maniera più approfondita  …
 
Mario: Musicalmente parlando? ..vediamo, credo che per questo disco utilizzeremo una nuova e sofisticata tecnica di registrazione proveniente da Mbabane, si chiama "D.P."

Quadruplicheremo le chitarre, basso batteria e voci; in pratica le casse del vostro stereo dovranno riprodurre contemporaneamente in totale 8 chitarre, 4 bassi, 4 batterie e 16 voci rischiando cosi la fusione.. sentirete che potenza!

 
Alessio: E’ come il primo ma più potente.
 

 

 

Come nascono solitamente le vostre canzoni ?  Scrivete tutti insieme oppure la canzone nasce da uno di voi e poi si evolve con gli altri? 
 
Silvio: Nella stragrande maggior parte dei casi le nostre canzoni nascono con il secondo metodo che hai detto.
 
Campoli: sottoscrivo cio’ che dice il silvio mason di senna, e aggiungo che per noi l’orginalità resta sempre uno dei primi traguardi, infatti a me piacciono i jeans firmati originali, e mi piace anche fare battute originali, come questa. 

 

Silvio: Qualche volta ci capita però di inventare dei brani insieme, quando siamo in sala prove. E’ il caso di canzoni nuovissime, provate ultimamente, che speriamo andranno a finire in succo cd futuri…
 
Mario: Personalmente mi basta frequentare una ragazza per qualche periodo oppure tornare a casa e sentirmi oppresso dai genitori o dal lavoro.. per il resto concordo con Silvio.
 
Alessio: Boh…
 
 
 
 

I vostri testi sono sempre piuttosto particolari… Da che cosa avete tratto ispirazione nella stesura dei testi di questo album?
 
Silvio: Al solito da esperienze personali. Fino ad oggi tutto ciò che abbia cantato è stato sempre provato sulla nostra pelle… Ti innamori di una ragazza oppure odi il mondo che ti circonda, soffri e per rimediare scrivi una canzone. E’ così che ci succede molto spesso.
 
Campoli: Diciamo che la musica è una medicina per noi, tant’è vero che sono sempre molto malato e mi piace alleviare i dolori ascoltando e scrivendo canzoni, originali, si intende.
 
Mario: E si.. l’amore, un amico che fa il complicato, una vita che non ti asseconda come vorresti.. con chi confidarsi se non con la musica? ..e tutto va su carta! ..e a questo punto direi proprio "carta canta" ahaha eheheh! Ke iumor!
 
Alessio: hahahahahahahahahah boh…….. 

 
 

 
 
Sono passati diversi anni dall’ultimo lavoro, cosa è successo in tutto questo tempo?
 
Silvio: Ah, tante brutte cose. Il 2002 in particolare è stato un anno veramente di merda, in cui il Malocchio ha fatto da protagonista. Basta dare un’occhiata alla lista delle sfortune che ci sono elencate sul nostro sito…
 
Campoli: Spero che il 2002 non ritorni mai più, e’ stato duro, sfortunato e pieno di inconclusioni varie.
 
Mario: Ne abbiamo passate di cotte e di crude, morale atterra per più volte ma ci crediamo molto quindi eccoci quà!
 
Alessio: Sono scoppiato…

 
 
 
 …un pò di storia.. Come sono nati i Succo Marcio? …
 
Silvio: I Succo Marcio nascono al Rock Club 52 di Como il 10 Marzo 1995 alle ore 16, giorno della prima prova dei Chemical Gravy (Sugo Chimico). Allora la formazione era diversa, si era in tre: Flavio (chitarra), Silvio (basso) e Gorla (batteria). Poi, con il passare delle stagioni, abbiamo preferito cantare in italiano e la formazione si è modificata fino a quella attuale: Mario (chitarra), Alessio (chitarra), Campoli (basso) e Silvio (batteria). Durante questi otto anni abbiamo provato molto, fatto un casino di concerti, vinto il concorso per suonare al Neapolis Rock Festival 2000, suonato per culo con i Green Day, partecipato a molte compilation, fatto tre videoclip e cambiato diverse agenzie concerti senza tutt’ora averne una fissa.
 
Mario: ..avevo lasciato un cartoncino di succo d’arancia per 1 mese nella nostra sala prove, quando l’ho riaperto il succo era marcio e aveva infettato tutto l’ambiente circostante con il suo odore potente.

Da questa soave metafora presero vita tante cose.. (compreso un piccolo villaggio di batteri attorno alla confezione).
 

 
 
 

In questi anni avete fatto numerosi concerti .. C’è un vostro concerto che non dimenticherete mai?
 
Silvio: Sicuramente uno dell’estate scorsa, a Solferino (Mantova). Abbiamo suonato in tre perchè Campoli, il bassista col naso lungo e storto, era stato ricoverato per intossicamento alimentare la sera prima all’ospedale di Vicenza, dopo un altro nostro concerto. La stessa sera ho anche conosciuto la mia attuale morosina. Oppure, se di concerto si può parlare, quando abbiamo avuto la fortuna di suonare "Muore il giorno" sul palco dei Green Day.
 
Campoli: Mmmmh… Vediamo, io credo che dimeticherò difficilmente non uno ma due concerti: banalmente, la prima volta che ho suonato!…eravamo al St Joseph Pub di Como (bar dell’oratorio di San Giuseppe)…per la prima volta della gente era seduta davanti a me ad ascoltarmi…la paura che si trasforma in spavalderia, questa e’ un ottima sensazione che auguro di provare a tutti, come quando sparisce un mal di denti e intanto ti ritrovi davanti cameron diaz che c’ha voglia!…poi il secondo concerto che non dimentichero’ mai e’ un concerto al lido di faggeto lario, era una delle prime volte che ci pagavano, abbiamo suonato punk rock davanti a due bambini tedeschi di 2 anni o giù di li, i loro genitori, ed il barista….e la cosa bella e che ci hanno pagato, e non poco!
 
Mario: Ogni concerto ha un suo momento indimenticabile: una malocchiata inaspettata, un sorriso che ti rimane nel cuore, i momenti di "riot" passati tra noi succo, ingoiare una serata no o essere strafelici per le emozioni che vedi sul viso della gente quando suoni.. vivere tutto questo è una delle cose per cui sono orgoglioso di suonare!
 
Alessio: Si, quando abbiamo suonato alla Scala di Milano con i Super Inverno…  Mi ricordo che abbiamo incendiato la sala est del teatro ma per fortuna la gente si è messa in salvo 
 
 
 
 
Qual’è l’ultimo cd che hai comprato?
 
Silvio: "Forza ragazzi" dei Super Inverno
 
Campoli: "Tricarico"
 
Mario: Let’s go (Avril Lavigne)
 
Alessio: Eddie Cochran "Summertime blues" 

 
 

 

…quello che non consiglieresti neanche al tuo peggior nemico?
 
Silvio: Mmm… Forse "Vaffanculo e scappa!" dei Turbo Vaffanculo
 

Campoli: non reputo così schifoso "Vaffanculo e scappa" dei Turbo, Silvio! …c’è di peggio: "Mio fratello fa il ricchione" dei "Politicanti merdosi" è inascoltabile!

 
Mario: Posso farne una lista?
 
Alessio: penso anch’io "Vaffanculo e scappa!" 

 
 

 
 

..Provate ad inventare un "Jingle" promozionale per pubblicizzare ed invogliare la gente a comprare il vostro  cd in uscita..
 
Silvio: Hasta la victoria, viva la banana: se non compri il cd dei succo sei un figlio di puttana. Sono bravo ne??
 
Mario: Uscirà presto, stacci all’occhio, dei Succo Marcio è il secondo pastrocchio, sarà la colonna sonora della tua estate, se lo usi in amore vedrai le scopate!! Lei penserà di volare su un cocchio… Lui si tatuerà il nome di lei anche sul ginocchio… Vivrete una favola e nascerà anche un marmocchio ma… Attenti, se il Succo cd non comprate… C’è il malocchio!
 
Campoli: Il lavoro mi perseguita, di certo non nobilita… Aiutami a non fare un cazzo tutto il dì: compra il nostro nuovo e potente ciddì! 

 

Alessio: Non importa se sei nero, se sei giallo o se sei gay, non fa niente se una tipa non ce l’hai se sei alto o se sei basso, se ti viene da skiattare, guarda il cielo, compra il cd, e grida dio c…


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: