SUGARCULT

SUGARCULT
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Sono approdati all’Epitaph con il loro album d’esordio, sono stati già paragonati ai Blink 182 e hanno numerosissimi concerti alle spalle. La band Californiana di Santa Barbara ha presentato in anteprima ai lettori di Punkadeka il loro cd… ecco i SugarCult!
Iniziamo con le presentazioni ..raccontaci brevemente come nascono i Sugarcult...

Marko 72: I Sugarcult nascono diversi anni fa, in California. Come tutte le band, anche noi abbiamo iniziato suonando nei garage di amici e per strada, fino a quando non abbiamo mandato il nostro demo ad un’etichetta.

Il gruppo è formato da quattro componenti e da due voci, che partecipano a creare sonorità emo punk, fortemente influenzate da elementi metal.

 

Deka:    Qual è il significato della parola “Sugarcult”?

Marko 72:   Non ha un significato preciso, sta per: birra+ragazze+divertimento!

A dirti la verità non mi ha mai entusiasmato troppo, ma è stato Mike a sceglierlo e ne va estremamente fiero…

 

Deka:    Mi hai parlato di emoPunk con influenze metal .. quali sono le vostre principali influenze musicali?

Marko 72: Lo so che la mia risposta sarà banale, ma tutta la musica, non un genere particolare, influenza il nostro sound. Fondamentalmente, comunque, rock anni 70/80/90 e soprattutto Faith No More!!!

 

Deka:           A cosa vi ispirate per creare i vostri testi e le vostre melodie?

Marko 72: Dalla vita e dalla gente che ci circonda, dal quartiere in cui sei cresciuto, da chi ti ha aiutato, da Santa Barbara…

 

Deka:    Start Static” è il vostro cd di debutto e contiene una vera novità:  Cd + DVD con  tracce multimediali, video musicali e una bonus track  che arricchiscono e completano un album che prometteva già molto bene...

Marko 72: Trovo che questo sia il metodo migliore per raggiungere i nostri fans. La multimedialità ti permette di stringere un rapporto nuovo e più completo con chi acquista il cd: si ha la possibilità sia di vedere sia di ascoltare la band direttamente dal cd. Per il pubblico europeo è stata inserita una ghost track, per scusarci del ritardo, dato che l’album è uscito negli States circa due anni fa… Purtroppo non è stato semplice organizzare la parte di promozione europea, ma finalmente ce l’abbiamo fatta e questo è il nostro regalo per voi.

 

Deka:    Avete prodotto il vostro primo cd “Start Static” con una delle etichette più importanti ad oggi presenti nel mercato musicale internazionale: Epitaph. Raccontateci qualcosa di questa esperienza.

Marko 72: Lavorare con un’etichetta importante come Epitaph è un’esperienza unica. In poco tempo siamo riusciti a realizzare un cd e ad organizzare tutta la parte di promozione europea ed americana. Questo è stato possibile solo grazie all’aiuto di chi opera all’interno dell’etichetta, veri professionisti che hanno dedicato gran parte del loro tempo a noi, al nostro progetto. Dopo tutto cercare un’etichetta è un po’ come sposarsi: bisogna cercare con estrema attenzione!!!

 

Deka:   Ho letto che avete avuto la fortuna di condividere il palco con uno dei gruppi più attivi della scena punk internazionale: i Sick of it All!

Marko 72: Penso che i Sick of it All siano davvero incredibili! Mi sono sempre piaciuti, trovavo che il loro sound fosse davvero unico, così graffiante e duro. Abbiamo avuto la fortuna di esibirci con loro durante alcune date in U.S.A. ed è stato incredibile: un sogno diventato realtà! Ho potuto appurare che non sono soltanto ottimi musicisti e grandi professionisti, ma anche amici fidati, capaci di aiutarti in qualsiasi occasione, persone con cui discutere di ogni argomento, con cui confrontarsi. Ci hanno colpito moltissimo.

 

Deka:    Avete in previsione qualche tour? Verrete anche in Europa?

Marko 72: Presto suoneremo in Europa, forse a giugno, e faremo alcune date in Italia, non c’è nulla ancora di certo ma dovremmo esibirci a Venezia. E’ come tornare un po’ a casa, dopotutto alcuni di noi hanno origini italiane, altri sono tedeschi…

 

Deka:    che suonerete anche in Giappone…

Marko 72: Sono elettrizzato all’idea di esibirmi in Giappone, forse perché ritengo che sia un altro pianeta, totalmente differente dall’Europa o dagli United States…

 

Deka:    Avete nuovi progetti per il futuro?  

Marko 72: Certo, vorremmo collaborare con alcune band di santa Barbara per promuovere una compilation, per far conoscere nuovi gruppi americani al popolo punk europeo!

 

 SUGAR CULT Official web-site

 

 

 


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: