TALCO: Tutti assolti

TALCO: Tutti assolti
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

TALCO: Tutti assolti

Questa volta la KOB ha fatto centro. La Band di Marghera sfodera davvero un bel CD combact, certamente fuori dalle mode visto che si vocifera che lo skapunk sia ormai di altri tempi…

Ma ai RESISTENTI non importa, si fa musica, baldoria, senza dimenticare che dietro certi movimenti c’è anche l’impegno sociopolitico.

In bilico tra Persiana, Ska-p, Banda Bassotti, MCR, Tupamaros, Fratelli di Soledad di annata etc etc…

Tutti Assolti è un CD senza peli sulla lingua che gia’ in copertina non risparmia nessuno e la dice lunga, tutti intorno alla torta per mangiare il proprio boccone ed intanto L’odore della morte ci porta alle mille guerre in corso dal Nicaragua alla Palestina…ed anche dietro le porte delle nostre case e anche se molti ormai ignorano un altro 11 Settembre, i Talco non se lo sono dimenticati affatto e risuona la voce di Salvador Allende perchè l’11 Settembre del 1973 non deve essere dimenticato e non deve lasciare spazio a quello piu’ recente di cui molti sono i lati oscuri ma se si tiene conto che in 60 anni sono davvero in molti ad essersi dimenticati dei mille e mille partigiani morti sulle strade d’italia e del mondo, per dare la liberta’ che ormai in molti calpestano sotto l’elegia di potenti rampanti e bassetti arroganti, anni di stragi, disastri e dissesti finanziari sempre alle spese della classe operaia da sempre illusa e delusa ma mai ARRESA, che la lotta continui come nelle notti cilene, perchè solo il piombo puo’ fermare l’arroganza e se l’amore ci assale in Rachel non si perde mai la guardia…ed allora CORRI, Le idee restano anche oltre la vita, i sogni restano e si diffondono tra chi li coglie, volano nell’aria anche dopo perchè nessuno ha il diritto di arrogarsi la supremazia e la superiorita’ umana e questo il Partigiano lo sa, mani di pietra, terra, acqua, fuoco, Mani che conoscono il duro lavoro e dalla notte dei tempi la memoria non si cancella con un semplice revisionismo storico fatto ad hok e manipolato persino nei testi scolastici

…almeno NOI non dimentichiamolo e facciamoci guardiani della NOSTRA storia che passa anche tramite le assoluzioni di assassini che per il vile denaro hanno negato la vita a migliaia di persone che hanno creduto di poter costruire un mondo migliore attraverso l’industrializzazione, che hanno creduto di poter far crescere i propri figli in un mondo fatto di equita’ e fuori dai giochi di potere…160 operai per un padrone sono una nullita’ se la posta in gioco è il proprio profitto…Ma MARGHERA NON DIMENTICA IL 2 NOVEMBRE…il CD continua a girare e rigirare, la speranza è che la musicas non resti musica e che le parole non restino parole per questo esordio i talco sono promossi a pieno titolo perchè “Fischia il vento soffia la bufera, scarpe rotte e pur bisogna ardir a conquistare l’orizonte rosso del nostro avvenir”

Un CD consigliato a chi ha sogni da realizare perchè un altro mondo non è impossibile. Tra musica ed impegno sicuramente un CD da avere, per i preascolti sul loro sito trovate degli Mp3.


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >