TENNENTZ COLOMBO: Nelle nostre vene

TENNENTZ COLOMBO: Nelle nostre vene
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

TENNENTZ COLOMBO: Nelle nostre vene

I veneti Tennentz colombo, nati 4 anni or sono, hanno per ora all’attivo un primo demo-cd datato 2004 e questo recentissimo lavoro uscito per la produttiva Anfibio records, preceduto da un promo pubblicitario che riprendeva due canzoni di punta dell’album stesso, uscito poi in questa primavera.

Di passi da quel primo lavoro, ne hanno fatti davvero molti e la maturazione sonora è più che evidente, la loro musica si è evoluta e questo cd ne è la prova!
Il loro suono credo sia conosciuto da molti ormai, sonorità alquanto melodiche che si distanziano davvero molto dal solito oi! che si ascolta ultimamente in giro, tanti coretti a go go, senza però menarcela col solito grido oi! oi! oi! (trito e ritrito) e tanti slogan fatti e serviti che spesso mi provocano forti e incontrollabili nausee.

I testi si fanno davvero apprezzare, per una volta non si parla di birra e stadio, ma si affrontano temi assai più importanti e di gran lunga più interessanti; la forza della classe operaia “Nelle nostre vene”, la dura vita che si affronta ogni giorno “Sottopressione”, lo sfruttamento “Perché”.. Insomma roba coi fiocchi, 10 canzoni da leccarsi i baffi per tutti coloro che non si fermano solo ai quei superficialetti gruppi senza senso, che riempiono il mondo!

Il booklet ben fatto e ordinato, non è niente di eccelso per carità, solo il giusto, con tutti i testi e qualche fotina di contorno per spezzare un po’! Un cd in conclusione che non mi fa certo gridare al miracolo, ma che non posso proprio accantonare in un angolo! Dopotutto lo consiglio vivamente!
Voto: 3 case (buono)


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >