THE BLACK MARIA: Lead us to reason

THE BLACK MARIA: Lead us to reason
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE BLACK MARIA: Lead us to reason

Dopo aver battuto cassa con produzioni azzeccate in casa Victory si punta nuovamente su nomi nuovi, magari non prettamente hardcore ma non certo da sottovalutare. I Black Maria sono una delle ultime band accasatesi sotto il celebre marchio di Chicago, forti della definizione di “all star band” (nella line-up troviamo Kyle Bishop – ex Grade – e musicisti proveniente da Zyon e New Day Rising – nda) e di un approccio live osannato da pubblico e media. A pochi mesi dalla firma ecco l’atteso debutto, intitolato “Lead us to reason” e forte di undici canzoni abili nel farsi spazio nel folto panorama rock emozionale.

Catalogare la loro proposta sonora non è così semplice, “Lead us to reason” vive infatti di sfumature noir tanto care ai primi Cure (band spesso citata dallo stesso Kyle in più interviste) e di una passione per il rock contemporaneo che li porta a sfornare riff corposi e di buon gusto. Un disco lontano da quello che ci si aspetterebbe guardando la line-up insomma, melodico (ma mai ruffiano) al punto giusto e pensato per mettere in evidenza la bella voce di Chris Gray, abile sia nei momenti più intimi che in quelli più tirati. La parte iniziale dell’album è sicuramente la più riuscita, dove la super hit “The memento” apre le danze facendo capire da subito su che binari viaggiano questi canadesi e mostrando pregi e difetti di un lavoro valido ma fin troppo altalenante nel rendimento.

Momenti tirati si alternano a più riprese con episodi più cadenzati, mettendo dinanzi all’ascoltatore il quesito: cosa vogliono fare questi Black Maria da grandi?

Difficile darsi una risposta ascoltando questo album, troppe infatti le influenze e gli elementi in contrasto che non permettono di definirlo un debutto pienamente convincente. Nonostante ciò è lecito ammettere che se confrontato con le ultime uscite emocore/rock “Lead us to reason” non sfigura affatto, forte di qualche notevole brano e di una produzione curatissima. Personalmente continuo a preferire i vecchi progetti di Kyle, più sinceri e meno “costruiti” di questi Black Maria.

Vista la particolarità del prodotto è consigliato l’ascolto di qualche brano prima dell’acquisto, facilmente reperibili sul sito della Victory Records.
6/10
Tracklist:
01.The memento 02.Betrayal 03.Organs 04.Our commitment’s a sickness05.The distance from the bottom 06.The lines we cross 07.Mirrors and cameras08.Sirens 09.To have loved 10.Ash 11.Rats in the prison


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: