THE CHROMOSOMES: Losing Eleven

THE CHROMOSOMES: Losing Eleven
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE CHROMOSOMES: Losing Eleven

È passato qualche mese dall’uscita di Losing Eleven, l’ultima fatica dei livornesi Chromosomes e finalmente riesco a spendere due parole su questo, a mio parere, bellissimo disco.

Completamente DIY in pieno stile punk rock, Losing Eleven si compone di 11 tracce super catchy e divertenti.

Le danze vengono aperte dall’accoppiata My Rowdy Hula Dancer e A Duet With Dolly: 1-2-3-4 e vieni subito trascinato nell’atmosfera dell’album fatta di riff accattivanti, melodie veloci e ritornelli che ti restano in testa da canticchiare!

Lo stesso si può dire per i pezzi successivi: Watchin’ Airplanes e la divertente Heavy Metal Kid che con i suoi cori e i na na na è una ventata d’aria fresca.

L’album fino a qui è ritmicamente lineare e brano dopo brano ti prende a tal punto che è impossibile non muoversi sulle loro note ed è questo uno degli ingredienti fondamentali in una produzione punk rock. I testi sono semplici ma freschi, efficaci, e anche divertenti.

Numerosi i richiami al punk californiano anni 90: Goalkeeper e la cover Coat Of Many Colors mi hanno ricordato positivamente i primi Green Day.

La velocità aumenta e il ritmo incalza sulle note di Leavin’ Canada e Escape From The Orgy Media: due brani tiratissimi che danno una nuova sfumatura all’album.

TV Will Blast You è invece la faccia più rock ’n’ roll dell’album che con i suoi cori in stile Beach Boys fa fuoriuscire un lato diverso da quelli sentiti fino ad ora.

La chiusura è affidata a The Age Of Summer, un’ulteriore sfaccettatura musicale di Losing Eleven, la prima parte ballata chitarra e voce molto dolce e intima che si chiude in strumentale e coro. Un ottimo brano di chiusura del disco.

Che dire ancora? Ben scritto e ben suonato, gli strumenti sono equilibrati e l’album pure con le diverse sfumature del punk rock: la prima parte puramente pop, la mia preferita, poi melodico poi rock ’n’ roll e infine acustico. Una nota di merito a Watchin’ Airplanes che ha il mio testo preferito:
***Airplanes cruisin’ above our heads,
Here on our favourite spot
Lying on the hood of my car
You & me
Staring at the blue sky
Tryin’ to guess where they come from
With a load of stories***

Merita l’acquisto e l’ascolto ogni qualvolta ve ne capiti l’occasione! Qui


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: