THE DIALTONES / THE ALLEY’GATORS

THE DIALTONES / THE ALLEY’GATORS
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE DIALTONES / THE ALLEY’GATORS

E dalla copertina cominciamo bene… ricorda le locandine “I spy” dei Rudi… tra l’altro patinata in modo da aspettarci qualcosina di molto poppy-piaceaigiovani-ancheallamamma… all’interno un settepollici dal peso di 15 mila libbre spesso come un mattone, tra l’altro colorato di bianco… figata. Comincia a girare, partono i Dialtones svedesi e spaccano di brutto… rock’n’roll punk selvaggio e veloce… sound incalzante dall’inizio alla fine… sembrano gli heartbreackers a velocità doppia… due pezzi: “bad news” e knife manual”… più accenti seventy seven nel secondo pezzo più sanguigno del primo pezzo ma, al quale manca forse la carica della first track… Già loro sarebbero bastati a fare un bel seven. Ma giriamo lato e troviamo gli alligatori trevigiani… e si ricomincia punto a capo…. devastante… direi superiore ai Dialtones…. rock’n roll a velocità spaziale, sembra stiano picchiando qualcuno… indole punk da farti venire voglia di mordere qualcosa… “never trust a ‘gator” spacca decisamente e non c’è nessuna caduta di tono nella seconda traccia “dead end world” che, conferma l’attitudine della band aggressiva e diretta… proprio come una tega sulle balle…. registrazione valida e adeguata alle circostanze… insomma un piccolo gioiellino; nel suo genere più che l’ideale… una promessa per la nuova DesertInn records.. che con questa produzione mette una seria ipoteca sul titolo di best itlian rock’n’roll label … a conferma che il rock’n’roll è vivo e vegeto e che si sta facendo terribilmente più selvaggio….


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: