THE DICKIES: All This And Puppet Stew

THE DICKIES: All This And Puppet Stew
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE DICKIES: All This And Puppet Stew

Cosa può dare alla scena internazionale una band con oltre vent’anni di attività sulle spalle come i Dickies? Questo interrogativo mi ha frullato in testa fin dal primo ascolto di questo “All This And Puppet Stew”, ennesima prova della band losangelina. La prima cosa che risalta è sicuramente che il loro lavoro lo sanno fare molto bene, infatti emerge chiaro che questi non sono ragazzi al primo disco, ma gente che da vent’anni si cimenta con queste cose. L’esperienza è merce preziosa, e i Dickies, che ne hanno da vendere,sanno far rendere -con l’aiuto di Ryan Greene- le loro composizioni al massimo. I pezzi sono i classici intrecci di chitarre e tastiere a metà tra il pop ed il punk, con intrecci vocali che ricordano da vicino i Beach Boys (ascoltatevi “Nobody But Me” per credermi) e testi tanto esileranti quantoben fatti, ed anche questa non è certo una novità per questi due figuri che sono sulla strada dalla fine dei ’70. E allora, direte voi, che cosa ci possono offrire? Beh, una canzone come “Marry Me, Ann” non si ascolta certotutti i giorni, e titoli come “Whack The Dalai Lama” o “He’s Courtin Courtney” si commentano benissimo da soli. Un po’ come i Bad Religion, gente che ha già dato tutto quanto poteva dare ma che continua in ogni album amettere quei brani che da soli valgono il disco e che fan capire alle nuove leve che se loro sono ancora li’ un motivo ci sarà. Per i Dickies il discorso è lo stesso: suoni pop-punk? Credi di aver scoperto un nuovo mododi far musica? Beh, ascoltati dischi come questo e capisci che la strada è ancora lunga. In queste tredici tracce c’è bravura e mestiere, e anche se appare anacronistico che gente di 40 anni continui a suonare punk bastaascoltarle per capire che di loro c’è, e sempre ci sarà, bisogno. Non per tracciare nuove vie, questo l’han già fatto anni fa e adesso tocca alle nuove leve, ma per far capire la differenza tra chi sa fare buona musica e chi no.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: