THE GET UP KIDS: Eudora

THE GET UP KIDS: Eudora
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE GET UP KIDS: Eudora

Proprio adesso che è in uscita il loro nuovo disco, “On a Wire”, sembra giusto fare il punto della situazione sui Get Up Kids, e quale occasione migliore che non recensire “Eudora”, raccolta di materiale vario che esce per l’etichetta del gruppo, dal nome quanto meno programmatico “Heroes & Villains” (i Beach Boys vi dicono qualcosa?). Diciassette brani che ci svelano in parte chi sono e cosa ascoltano questi cinque ragazzi del midwest che tanto stanno facendo parlare di loro; a scoprire le carte ci pensano alcune riletture che qui ritroviamo: Pixies, Cure, ma anche i Motley Crue e Replacements, e questo per farci capire che il punk per loro è da prendere in senso (molto) lato, qualche spruzzata di energià qui e la (“Up on the Roof”), ma comunque solo echi ormai lontani abbandonati in favore di altre mete stilistiche. Non hanno mai fatto mistero del loro stupore per essere accostati a nomi a loro estranei, salvo poi incidere per l’Europa un disco sotto Epitaph e condividere split con, ad esempio, i Rocket from the Crypt. Sui testi poi ormai han fatto scuola, ed i cuori spezzati di cui spesso parlano han cercato di copiarli in mille altri. Però hanno da par loro alcuni importanti meriti; innanzitutto se non sono stati i primi a provare simili alchimie sono quelli che, anche a giudicare dal successo, ci sono riusciti meglio, e poi non hanno mai nascosto la loro vocazione al “pop” più intelligente, preferendo i Beatles ai Ramones e i Weezer a mille altre punk band. Dritti per la loro strada quindi, ma anche di contro canzoni gradevoli con picchi quali “Forgive and Forget” oppure “Newfound Mass”. E se di molti gruppi che adesso si chiamano “emo” potremmo farne tranquillamente a meno, dei Get Up Kids non possiamo dire altrettanto.


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: