THE MENZINGERS: After The Party

THE MENZINGERS: After The Party
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

THE MENZINGERS: After The Party

I Menzingers non finiranno mai di stupirmi.
Dopo “On The Impossible Past” del 2012 e “Rented World” del 2014 non avrei mai pensato di arrivare a parlare di un altro piccolo capolavoro. E invece eccomi qui a raccontarvi “After The Party”, quinto album da studio del quartetto di Scranton, Pennsylvania, uscito per Epitaph Records a inizio febbraio.
L’album si forma di 13 pezzi in cui i Menzingers confermano due cose: il totale abbandono del sound alla Against Me! prima maniera/Anti-Flag caratteristico dei primi due lavori (“A Lesson in The Abuse of Information Technology” in particolare) e tutto ciò che di buono, ma che dico, di ottimo i due album precedenti sopracitati ci hanno regalato.
Si parte con la grintosa Tellin’Lies e si arriva alla rassegnazione musicale e lirica di “Livin Ain’t Easy in un batter d’occhio, quasi senza accorgersene. Nel mezzo i picchi si raggiungono con tracce come, Midwestern States, vera e propria ode a quella parte di America che, negli ultimi anni, ci ha reglato fior fiore di bands, Charlie’s Army, la mia preferita per la sua immediatezza e melodia, Boy Blue, romantica e triste allo stesso tempo,  e Bad Catholics, pezzo che già conoscevamo e che rappresenta tutto ciò che i Menzingers sono: una band di amici, ottimi professionisti, capaci di sfornare melodie azzeccatissime senza strafare a livello tecnico.
Degne di nota anche la semi acustica Black Mass (ottimamente posta a metà del disco, come stacco), la ballata in 2/3 The Bars, che vede un’accelerazione finale e la title track, riproposta meravigliosamente anche nei live.
È vero, la Epitaph nel corso degli anni ha abbandonato in parte il punk rock scivolando verso quei generi che i lettori di punkadeka vedono bene dall’ascoltare e perdendo un minimo di quella credibilità che si è costruita nei favolosi anni ’90, ma finché nel suo rooster avrà i Menzingers mr. Brett Gurewitz potrà dormire sogni tranquilli.

Tracklist:

Tellin’ Lies
Thick as Thieves
Lookers
Midwestern States
Charlie’s Army
House on Fire
Black Mass
Boy Blue
Bad Catholics
Your Wild Years
The Bars
After The Party
Livin’ Ain’t easy


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >