THE NERVE AGENTS

THE NERVE AGENTS
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

E’ da poco uscito il loro nuovo album per la Hellcat Records, abbiamo parlato di questo e di altro insieme a Eric Ozenne della dark punk band
Qualcuno vi ha descritto come una band capace di unire la frenesia dei Black Flag, l’attenzione alla realtà sociale tipica dei Minor Threat, e l’intuito dei The Misfits. Qual è la tua opinione a proposito?


Certo, concordo in parte, anche se non mi descriverei esattamente così…ma ognuno vede le cose a modo suo! Noi siamo sicuramente bizzarri, dark, un tipo di band che forse ricorda maggiormente i T.S.O.L., a cui occorre aggiungere l’intensità e positività dei giovani d’oggi.

A proposito di "oscurità" avete mai letto nulla di Edgar Allan Poe o Lovecraft? E qualcosa di Stephen King?

Quale scrittore preferite?

Ho letto qualche racconto di Poe, mezzo libro di Lovecraft, e qualche libro di Stephen King.

Sono tutti dei grandi, non saprei dirti chi penso sia il migliore…preferirei godermi l’horror, e le dark stories proiettate su di un grande schermo…..in tal modo mi sentiresti maggiormente coinvolto, potrei immedesimarmi più facilmente nei personaggi, molto più che usando solo l’immaginazione . Ogni autore ricrea un suo scenario.

Adoro Stanley Kubricks e Shining è uno dei film più avvincenti che abbia mai visto, mentre Stephen King non mi ha mai veramente entusiasmato.

 

Parlateci del vostro nuovo album…

"The butterfly collection", è l’album che preferiamo in assoluto. Bruciavamo di creatività,e sapevamo che questo era il modo migliore per lavorare. Era fantastico! Cercai di creare qualcosa di nuovo dal punto di vista lirico, perché avevo deciso di ampliarlo e arricchirlo, così ho cercato di trarre ispirazione da Morrissey.  

THE NERVE AGENTS si sono formati nel lontano 1998, e da sempre si sono distinti per intensità d’esecuzione e sprezzante abbandono nelle performance live. Quali sono I principali cambiamenti nel vostro stile e nella line-up della band?

Noi ci siamo spostati verso toni più  cupi grazie grazie all’ingresso nel gruppo di Dante (basso), prima avevamo registrato uno 7". Questa prima opera risentiva delle influenze dei T.S.O.L., i Misfits, Siouxie e i Banshees.

Quando Dante è arrivato la cosa che più ci colpì era il suo modo di suonare…era quello che cercavamo..naturalmente la nostra musica è cambiata, ma l’importante non è se siamo più cupi o se nelle nostre canzoni si parla di gabbiani o rose… 


Come è iniziata la vostra collaborazione con la HellCat ? Avete un buon rapporto con loro?


Ho conosciuto Tim Armstrong attraverso la Hellcat Records molto tempo fa.

La mia vecchia band, Unit Pride, collaborava con Tim, di conseguenza lui ha potuto seguire ogni passo della mia carriera  fin dagli esordi.

Quando vide i The Nerve Agents l’anno scorso mi chiese se volevamo collaborare con lui e la Hellcat. Questo è stato il mio desiderio principale per i The Nerve Agents, far parte della  Hellcat Records….la band era eccitata, finalmente c’eravamo riusciti. Hellcat Records, e Epitaph si sono dimostrati molto disponibili con noi e ci hanno aiutato moltissimo…..non avrei mai pensato che potesse essere così piacevole lavorare per un’etichetta punk!
  

Quali gruppi ascoltate oggi? C’è qualche cd che merita un’attenzione particolare? E qualcosa da evitare?

Ascolto un sacco Morrissey e gli Smiths. Non posso dimenticare assolutamente "Heaven up here"… è un album incredibile. Il nuovo dei T.S.O.L. "Disappear" è fantastico, compratelo è della Nitro Records. I Bonecrusher è una grande band stile "oi". C’è un sacco di merda fuori di qui da evitare… il nuovo dei Misfits non è il Massimo, è una vera truffa… Jerry dovrebbe creare una nuova band e smetterla di reclutare ragazzini per ricreare atmosfere ormai perdute.

Credo che nessuno di noi riuscirà più a dimenticare quanto successo un mese fa negli States. Quali sono le tue impressioni su quanto accaduto? Credi che un attacco americano possa risolvere questa situazione?

Penso che gli U.S. debbano cacciare tutti quei terroristi di cui si conoscono perfettamente I nomi…estirpare le erbacce alla radice….sono un pericolo per tutti ..fare la stessa cosa che accade quando si assumono antibiotici per debellare un virus che minaccia il tuo corpo.

Non è una buona soluzione, ma è necessaria…non dobbiamo vivere nella paura, attendere che qualcosa di terribile accada di nuovo…perché se non facciamo qualcosa accadrà ancora.

Se qualcuno parcheggia la sua auto di fronte casa tua e uccide tutta la tua famiglia, perché non accetta il tuo modo di vivere o semplicemente perché arrabbiato…cosa faresti?

Sono sicuro che usciresti fuori e inizieresti a urlare "Bastardo, non farlo mai più!" o li condanneresti all’ergastolo, lasciandoli vivi in carcere? Se si chiede a qualcuno, che si nasconde in casa di altri, di uscire e lui si rifiuta in maniera minacciosa…

Cosa bisognerebbe fare? Scappare? Purtroppo tutto si è spostato su un livello personale. Sfortunatamente quando si assiste alla morte di migliaia di innocenti non importa quale sia il tuo aspetto o la tua provenienza… Bisogna salvare delle vite, agire o rischiamo di vedere altri innocenti morire nel futuro perché li lasciamo andare. I terroristi, uccidono innocenti…..questi a cui facciamo riferimento sono gruppi che uccidono…questa è l’evidenza…la Guerra non è piacevole, and è quanto occorre oggi. Puoi biasimarci e cercare altre vie d’uscita, ma abbiamo delle ragioni valide…e penso che questi problemi vadano affrontati da subito.

Puoi raccontarmi brevemente qualcosa sulla tua band?

Abbiamo scelto questo nome leggendo testi sulla guerra chimica e potenziali attacchi terroristici

Abbiamo iniziato nel 1998….e proveniamo da bands quali Model American e i Redemption 87, di cui abbiamo mantenuto alcuni tratti stilistici, ma volevamo fare un mix tra hardcore e del punk più duro.

 Con Dante, entrato a far parte del gruppo nel 1999, è cambiato qualcosa e ci siamo spostati verso sonorità più cupe.

Siamo rimasti con la Revelation Records fin dalla metà del 1998, poi abbiamo iniziato a collaborare con la Hellcat alla fine del 2000. Andy, il nostro batterista, ora è nei Distiller’s , nostri vecchi amici. Cosa dici, può bastare?

 

Come avete inziato a suonare l’ hardcore e cosa vi attrae magggiormente?

La gioventù di oggi mi attrae, l’intensità, la passione… Tradisco. Bestemmio. Non suonerò mai senza provare alcuna emozione…sono vivo, amo esprimere intensamente ciò che provo come Ray Cappo, quando suonò al Gilman St. nel 1987.

Tim Monroe degli Unit Pride, un componente della mia vecchia band, mi ha fatto conoscere l’hardcore. Era solo un ragazzo, e ascoltava Y.O.T., Bold, and Uniform Choice. Io invece preferivo i Dead Kennedys, gli Exploited, i 7 Seconds, i Descendents…questo però prima di incontrarlo.

 

C’è qualcosa che vorreste cambiare del disco ad un secondo ascolto?

"The butterfly collection"…no, perchè? Quello che è fatto è fatto…se c’è qualcosa che non va bene verrà migliorato con il cd successivo..ma questo è perfetto!

 

A parer tuo è più importante una ottima performance live o una buona registrazione dell’album?

Entrambe. Se questo non avviene non durerai a lungo! L’unica cosa che posso suggerire a chi leggerà questa intervista è di non esagerare con la performance live…bisogna solo suonare con il cuore. Se non sei pieno solo di merda, le tue le tue passioni dovranno emergere in quello che fai e la gente riconoscerà sicuramente i tuoi sforzi e li apprezzerà. Questo vale non solo per gli show live, ma anche per la registrazione…se hai una buona musica ma una registrazione di merda la gente finirà col dire che anche la tua musica è orribile. Bisogna cercare di trovare una via di mezzo.

 

Ho letto che avete suonato con diverse band come AFI, TIGER ARMY, T.S.O.L, SICK OF IT ALL, U.S. BOMBS e THE EXPLOSION. Chi preferisci e perchè?


A.f.i. e Tiger Army sono i nostri amici più cari, li conosciamo da una vita e siamo praticamente cresciuti insieme

Gli Explosion sono per noi come fratelli …I T.S.O.L., per noi è un onore suonare con loro, insieme abbiamo fatto un tour la scorsa estate… sono grandi e ci siamo divertiti un casino.

Ho passato giorni interi a cercare di capire se Jack mi vedeva come un nazi or qualcosa di strano…e  i  Sick of it All e  U.S. Bombs sono veramente cool ..insomma è sempre un piacere suonare con loro .


Qual è il messaggio che volete trasmettere al vostro pubblico attraverso la vostra musica?


Cercare di trovare cose positive anche se tutto sembra negativo…vi assicuro che non è poi così difficile!


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: