THE ROOKIES: Out of Fashion

THE ROOKIES: Out of Fashion
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

THE ROOKIES: Out of Fashion

La prima cosa che mi ha colpito dei ROOKIES all’ascolto di OUT OF FASHION é il loro modo passionale e lirico di porgere la ‘ ballata garage ‘ .
L’interpretazione ad esempio di Giovanni Orlandi di YOU, cover dei Bumble Bees, mi ha preso a primo ascolto alla gola già dalle prime parole ‘..Listen baby….’ .Il suo timbro vocale al bivio tra l’adolescenziale e l’adulto ricorda molto il Jim Sohns degli Shadows of Knight degli anni d’oro.

Ballate garage dicevo : e cosa sono le loro composizioni in Out of fashion se non stupende e smaglianti timeless garage-ballads ? La triste e darkeggiante I WALK ALONE, la grintosa YOU BETTER GO HOME ( con l’armonica di Andrea Modicatore), la dinamica e sfaccettata ASTRID (con le tastiere di Paolo Negri), la marziale e lancinante OUT OF FASHION, tutte scritte dal lead-vocalist Giovanni Orlandi con i chitarristi Federico Zanotti e Simone Modicamore, instancabili dispensatori per tutto il disco di distorsioni e folate fuzz, ma anche di suadenti e folkeggianti timbri chitarristici.

Ma anche le covers di garage-bands talvolte oscure disseminate lungo quest’opera prima dei piacentini sono eseguite con approccio e perizia davvero ineccepibili: si va dalla perentoria e fascinosa WHAT’S WRONG WITH YOU degli Outsiders del compianto Wally Tax alla lisergica CAN’T EBENEZER SEE MY MIND dei Klubs, dal rock & roll di BACKDOOR BLUES dei Lost alla byrdsiana ONE TIME AROUND ( bravissimi Zanotti e Modicamore negli intrecci chitarristici ! ) dal refrain contagioso, un finale di disco folksy davvero prezioso ; dalla beat e martellante I’VE WAITED SO LONG ( Motions) alla spasmodica I WANT TO LIVE ( Mascots), sorta di incrocio tra Sorrows e Quicksilver, dall’epica ALWAYS WITH HIM ( Living Daylights) alla contagiosa e crepuscolare YOU dall’inizio dannatamente Modern Lovers sino all’entusiasmante I DON’T CARE ( Thor’s Hammer) posta all’inizio del disco, dotata di un tiro chitarristico power-pop (…Real Kids ) .

L’inevitabile gioco di citazioni cui rimanda Out of Fashion dei Rookies, band dall’immaginario garage e rock&roll sontuoso giunge ad includere anche i gloriosi Miracle Workers ; i piacentini ricordano a più riprese il garagismo appassionato e strascicato di Jerry Mohr e c. negli anni ’80 .

Una band ed un’opera prima quindi miracolosamente in equilibrio tra purezza sixties, l’enfasi del garage-revival degli eighties e gli accenti malati del primissimo punk/power pop americano.
Ineccepibile e freschissima infine la produzione di Massimo del Pozzo per la sua Teen Records, dinamica e vitale divisione della Misty Lane Records.Senza di lui il garage in Italia sarebbe ridotto al lumicino.


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >