The VIBRATORS

The VIBRATORS
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Frotte di vecchi e buongustai del punkrock per il ritorno sulla scena di una band storica dal punk settantasettino, amata per il suo stile contaminato che alle origini, e si parla del 1976, infuoco’ l’inghilterra insieme a molte altre band.
Il ritorno dei VIBRATORI
The Vibrators live at CORALLO – Scandiano – Reggio E.

Rimasti fedeli al verbo del PUNK 77 e tornati sulla scena grazie al riflusso di quei periodi e al punk,

possiamo ora gustarceli, forse, come dice qualcuno sembrano delle vecchie cariatidi, forse fanno questo effetto ma non dobbiamo dimenticare che dobbiamo a loro quello che c’è oggi …e forse anche loro si vergognano un pò per quello che c’è oggi in giro in tema di Punk, discutibile poichè in alcuni casi ha perso totalmente lo spirito originale…

Ritornando a loro, i Vibrators nascono verso il 1976 grazie a Knox Carnachan, erano parte del famoso movimento No-Future che imperversava e faceva proseliti in ogni dove dell’Inghilterra e anche degli States dove i RAMONES erano gia’ conosciuti ed apprezzati.

Nel 1976 il loro “We Vibrate” li porto’ alla ribalta insieme alle molte band che imperversavano nell’universo PUNK tra cui i Sex Pistols, diventando cosi’ parte fondamentale del movimento.

Univano sonorita’ che andavano dal Rock al blues in tutte le loro sottodenominazioni e questo porto al loro album “Pure mania” del 77,  in quegli anni facevano concerti su concerti, era vitale, importante, era tanta la voglia di PUNK e non si perdeva occasione di suonare in ogni dove ed in qualsiasi condizione.

I Vibrators hanno una carriera discografica davvero interessante e per questo vi rimandiamo al loro sitoWWW.THEVIBRATORS.COM dove troverete le info necessarie per soddisfare la vostra sete di conoscenza.

Il concerto del Corallo, un discoclub che ultimamente propone concerti davvero impedibili e di alta caratura ha ospitato la Band dove dei vecchi componenti sono rimasti  Knox e Eddie.

Insieme a Pete, nuovo bassista, hanno incendiato il palco con le loro song che gia’ dalle prime note hanno scatenato il pogo.

 

 

 

 

Da Destroy a Vipers in the dark passando per War Zone, Fall in love, Nazi baby… una carrellata di storia ed ottimo PUNK 77 adrenalinico.

Mancava la massiccia presenza delle nuove leve ma la vecchia guardia era ben presente e tra una birra e l’altra scorrevano i pezzi dei Vibratori con Eddie scatenato alla sua bella batteria vintage Giallo blu (che forse in terra reggiana stonava un po visto che ricorda i colori del Parma n.d.r.) che incitava tutti ad accorrere sotto il palco e cantare insieme a Knox che ha sfoderato la sua superba carica chitarristica mentre Pete teneva egregiamente sostegno con il ghigno del Punkrocker navigato.

Un ora e mezza di bella compagnia, vecchi amici, poghi e birra…sempre alla faccia di chi dice che il PUNK è morto.

Immancabile il ricordo da parte dei Vibratori, di Joe Strummer, del resto uno come lui è difficile da dimenticare.

Presto l’intervista!


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: