THE WONDER YEARS: The Upsides

THE WONDER YEARS: The Upsides
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE WONDER YEARS: The Upsides
Rimpiangete i tempi in cui i NEW FOUND GLORY pubblicavano dischi come “Catalyst”?
Siete rimasti piacevolmente sorpresi da una band come i Set Your Goals?
Cercate un disco pop-punk genuino, semplice e diretto?
Beh allora questi ragazzi di Philadelphia che girano sotto il nome di THE WONDER YEARS potrebbero farvi  tornare il sorriso. 
Un disco di 12 brani che sapranno sorprendervi per la positività che sa trasmettere.
Certo le storie d’amore finiscono (chiaro riferimento a “Melrose diner”) ma a 23 anni è giusto vedere  la luce e cercare di migliorarsi sempre.
“Washington square park” sa essere coinvolgente, chitarre tirate (come anche in “Hostels & Brothels”),  melodia a tutto volume. Molto Four Year Strong. Insieme a “Logan circle” mostra il pieno potenziale di  questa band. La batteria ogni tanto fa emergere le origini hardcore della band.
“Hey, Thanks”, con i suoi fiati e una piacevole voce femminile di accompagnamento, sorprende e spezza un po’ il ritmo, sa essere dinamica e commovente. Saper ringraziare le persone vicine non è sempre così  semplice.
Manca un vero singolo, la canzone da MTV, ma in compenso non ci sono passaggi che ti fanno storcere il  naso. Non aspettatevi nessuna rivoluzione. Solo un disco onesto, piacevole e ben strutturato. Non sarà  per la vita ma una stagione la può fare alla grande.
Voto: 7/10


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: