VERSUS THE WORLD: Homesick/Roadsick

VERSUS THE WORLD: Homesick/Roadsick
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
VERSUS THE WORLD: Homesick/Roadsick

E’ uscita da poco l’ultima fatica dei Versus The World: è stata prodotta da Kung Fu Records e si intitola Homesick/Roadsick.
Il sound è simile all’album precedente, Drink.Sing.Live.Love, ma più elaborato e sicuramente più pulito.

La prima traccia, la già precedente rilasciata The Santa Margarita in ricordo di Tony Sly, mette subito sul piatto l’energia della band californiana. Tutte le seguenti vengono da sè, mai lente e sempre orecchiabili. Le influenze sono ben chiare, d’altronde nella band sono presenti membri di Lagwagon e Ataris: si passa dal pop-punk puro a suoni più cupi (tipo quelli di Hang per intenderci anche se non così marcati). La voce, che suona letteralmente da dio in alcuni punti, in altri sembra trattenersi invece di rilasciare quella furia melodic hardcore che ci si aspetterebbe, e inoltre a tratti i testi risultano i soliti clichè sulla bellezza e sull’amore (come in The Black Ocean e A Sight For Sore Eyes).
Le due tracce più interessanti sono sicuramente la title track (“call me restless, call me roadsick, [..] call me helpless, call me homesick” ) di cui è impossibile non innamorarsi nel ritornello, e la conclusiva Our Song, una vera è propria martellata che inizia con una batteria abbatti-muri (e continua così per poi sfociare nel melodico alla fine).

La sensazione che rimane dopo le 11 tracce è quella di avere avuto in mano una pistola a salve; è sicuramente un piacere ascoltarlo ma il potenziale non sfruttato è ciò che rimane in testa.

Track List

1. The Santa Margarita
2. The Black Ocean
3. A Storm Like Me
4. Seven. Thirty-One
5. A Brooklyn Rooftop
6. A Sight for Sore Eyes
7. Homesick. Roacksick
8. Bullet Train
9. Detox. Retox
10. Self Preservation is Killing Us All
11. Our Song


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: